Innovazione e sostenibilità. Paroline magiche dell’Italia che cambia. A Bergamo Richard Meier progetta i.lab, quartier generale di Italcementi

Un nastro rosso che scorre di fianco all’autostrada A4, all’altezza di Bergamo. Visto di notte, il parco scientifico e tecnologico Kilometro Rosso, progettato da Jean Nouvel, assomiglia di più a uno scalo aeroportuale che a una quinta scenica pensata per ospitare 39 aziende. Dallo scorso 16 aprile le aziende sono diventate 40, con l’inaugurazione di […]

i.lab, un progetto di Richard Meier per Italcementi al Kilometro Rosso di Bergamo

Un nastro rosso che scorre di fianco all’autostrada A4, all’altezza di Bergamo. Visto di notte, il parco scientifico e tecnologico Kilometro Rosso, progettato da Jean Nouvel, assomiglia di più a uno scalo aeroportuale che a una quinta scenica pensata per ospitare 39 aziende. Dallo scorso 16 aprile le aziende sono diventate 40, con l’inaugurazione di “i.lab”, nuovo Centro Ricerca e Innovazione di Italcementi.
Elegante e slanciata la struttura, firmata da Richard Meier: una grande freccia bianca di vetro e cemento, articolata su due piani fuori terra e tre interrati, con una piazza esterna coperta a doppia altezza, che prosegue nell’atrio di accesso vetrato e distribuisce le due ali dell’edificio; la prima ospita laboratori e uffici, mentre la seconda accoglie sale conferenze, per un totale di 23 mila mq.

i.lab ha ricevuto la certificazione “LEED Platinum”: il centro risponde infatti a requisiti di efficienza energetica, che consentono di ottenere un risparmio fino al 60%, grazie ai materiali utilizzati nell’involucro e all’impiego di energie rinnovabili. Per le fondazioni e muri perimetrali sono stati impiegati calcestruzzi riciclati, mentreil rivestimento esterno è in Tx active, particolare cemento fotocatalitico mangiasmog. L’edificio è dotato inoltre di 420 pannelli fotovoltaici, 50 mq di pannelli solari e di un impianto geotermico con 51 pozzi.
Nel 2010 i.lab ha vinto il premio “European Green Building Award” come miglior edificio in Italia per l’efficienza energetica nella categoria “Best New Building”. Oggi ospita ingegneri, tecnici e ricercatori di Italcementi, impegnati nello studio e lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche, funzionali ed estetiche per nuovi materiali e prodotti edili.
i.lab si prefigura come la location ideale per una serie di Lectio Magistralis legate al tema “Architetture: Costruire un’eredità sostenibile”, da seguire in questi giorni anche in diretta podcast. Ecco il sito per tutte le informazioni.

– Elisabetta Biestro

CONDIVIDI
Elisabetta Biestro
Laureata in Architettura per il restauro e la valorizzazione dei beni architettonici e ambientali, dal 2009 scrive per il mensile "Il Giornale dell'Architettura". Ha collaborato tra gli altri con Green Building Council Italia (GBC Italia), associazione no profit che promuove il protocollo per edilizia sostenibile certificata LEED®. Si è specializzata in corsi post-laurea legati alla gestione e controllo di progetti complessi, e nella divulgazione di tematiche quali conservazione del patrimonio architettonico e ambientale, interventi nei Paesi in via di sviluppo a basso costo e sostenibili. Attualmente cura le attività dell'ufficio comunicazione di una multiutility con sede in Piemonte, che sviluppa progetti legati alle energie rinnovabili e all’ambiente.