Finaz, Cauteruccio, Cecchini e la Luce. In scena a Scandicci il quarto atto del progetto OA, ecco a voi foto e video di quello che vi siete persi…

Quando il pubblico ha accesso alla scena dalle entrate laterali del teatro, Alessandro Finazzo, in arte Finaz, fondatore della Bandabardò, è già sul palco. Una chitarra, un plettro ed un distorsore ai suoi piedi, e la musica si diffonde nell’aria. Dal profondo delle quinte, la voce fuoricampo di Giancarlo Cauteruccio narra estratti di testi dell’artista […]

Quando il pubblico ha accesso alla scena dalle entrate laterali del teatro, Alessandro Finazzo, in arte Finaz, fondatore della Bandabardò, è già sul palco. Una chitarra, un plettro ed un distorsore ai suoi piedi, e la musica si diffonde nell’aria. Dal profondo delle quinte, la voce fuoricampo di Giancarlo Cauteruccio narra estratti di testi dell’artista Loris Checchini, e di autori come Jean Baudrillard, Henri Michaux e Arthur Kroker.

A sovrastare il tutto, Cloudless, le famose nuvole di Cecchini: 50mila palline e 23 scale, ciascuna della lunghezza di 6 metri, assumono forme e colori a seconda della diffusione della luce, fulcro centrale dell’indagine di Cauteruccio in questo quarto atto di OA, Cinque atti teatrali sull’opera d’arte, al Teatro Krypton di Scandicci. In attesa dell’atto finale dedicato alla Musica, con l’opera di Cristina Volpi che andrà in scena il 18 maggio, a voi foto e video per giudicare il risultato…

– Valentina Grandini

CONDIVIDI
Valentina Grandini
Profilo: Valentina Grandini (Pietrasanta, 1978) è storica dell’arte, curatrice indipendente, art advisor, fotografa e organizzatrice di mostre ed eventi legati all’arte contemporanea. Dal maggio 2011 collabora con Artribune. Dal 2008 svolge l’attività di art advisor collaborando con collezionisti privati alla creazione, all’incremento e alla gestione delle proprie collezioni, seguendo il lavoro di artisti italiani e stranieri, soprattutto delle ultime generazioni. Dal 2005 al 2008 ha lavorato per la Galleria Enrico Fornello di Prato e ha collaborato con istituzioni pubbliche e private creando progetti espositivi. Dal 2007 cura e progetta allestimenti artistici per alberghi, aziende e privati, con fotografie proprie ed opere d’arte contemporanea. Tra gli alberghi si ricordano l’Hilton Garden Inn, l’Hotel Brunelleschi, l’Hotel De La Ville ed il Demidoff Country Resort di Firenze, l’Una Hotel Versilia di Lido di Camaiore ed il Principe di Piemonte di Viareggio.