Cosa significa essere “artista in residenza”? Scopritelo con Artribune, che segue tappa dopo tappa Remco Torenbosch ospite a Bergamo per The Blank Residency

È il primo ospite di The Blank Residency, residenza d’artista promossa a Bergamo dall’associazione The Blank, grazie al supporto della Fondazione Banca Popolare di Bergamo e alla collaborazione con Accademia Carrara e GaMec. Parliamo dell’olandese Remco Torenbosch (1982), l’artista emergente dai giorni scorsi ospite per un trimestre nella casa e nello studio messi a disposizione […]

Da sinistra Stefano Raimondi (curatore GAMeC e fondatore di The Blank), Remco Torenbosch, Giacinto di Pietrantonio (Direttore GAMeC) alla GAMeC di Bergamo

È il primo ospite di The Blank Residency, residenza d’artista promossa a Bergamo dall’associazione The Blank, grazie al supporto della Fondazione Banca Popolare di Bergamo e alla collaborazione con Accademia Carrara e GaMec. Parliamo dell’olandese Remco Torenbosch (1982), l’artista emergente dai giorni scorsi ospite per un trimestre nella casa e nello studio messi a disposizione dall’organizzazione.
Per la peculiarità della sua ricerca concettuale e performativa, attenta agli aspetti socio-politici in relazione all’economia e all’informazione, Torenbosch si presta particolarmente ad interagire con il territorio che lo accoglie. E noi di Artribune staremo con lui per capire se e come una residenza d’artista generi relazioni in cui locale e globale dialogano; scopriremo come si svolge la residenza e come si struttura il progetto artistico che culminerà con la mostra personale alla GaMec, la cui apertura è prevista per il 12 giugno 2012. Se siete curiosi seguiteci, da aprile a giugno seguiremo tappa dopo tappa l’esperienza di per capire cosa significa essere “artista in residenza”…

– Silvia Scaravaggi

 

CONDIVIDI
Silvia Scaravaggi
Silvia Scaravaggi (Crema, 1979) è curatore d'arte indipendente, si occupa di scrittura d'arte e di progettazione culturale. Si è laureata in Teoria e Tecnica dei Mezzi di Comunicazione Audiovisiva alla Facoltà di Lettere dell'Università di Pisa e ha approfondito alcuni aspetti dei nuovi media alla Universiteit Van Amsterdam, nei Paesi Bassi. Si interessa di video, installazione, rapporto tra arte, scienza e tecnologia; cura selezionati progetti d'arte, con particolare attenzione al processo di costruzione di una dimensione collaborativa tra artista e curatore. Dal 2011 scrive per Artribune; dal 2005 fa parte del network di Digicult, pubblicando contributi per il magazine mensile Digimag. Per la Provincia di Cremona, dove lavora dal 2005, segue lo sviluppo del Distretto culturale provinciale, nell’ambito del progetto Distretti culturali ideato e realizzato da Fondazione Cariplo. Ha collaborato ad alcune edizioni di INVIDEO, mostra internazionale di video e cinema oltre, e a Techne05, mostra di installazioni interattive, a Milano.