Viaggio nel cuore della Terra. Tappa numero II: Svizzera. Prosegue il viaggio di Maria Rebecca Ballestra alla ricerca di una nuova etica ecologica

Ne avevamo parlato qualche tempo fa, quando il tour stava per partire. Ora, Journey into Fragility, progetto itinerante messo a punto dall’artista Maria Rebecca Ballestra, giunge alla sua seconda tappa, procedendo secondo tempi e tragitti stabiliti nella lunga tabella di marcia. 365 giorni, 12 mesi, ognuno assegnato a un evento e a un luogo del […]

Ne avevamo parlato qualche tempo fa, quando il tour stava per partire. Ora, Journey into Fragility, progetto itinerante messo a punto dall’artista Maria Rebecca Ballestra, giunge alla sua seconda tappa, procedendo secondo tempi e tragitti stabiliti nella lunga tabella di marcia. 365 giorni, 12 mesi, ognuno assegnato a un evento e a un luogo del mondo: tra febbraio 2012 e gennaio 2013 le dodici tesi della “Carta di Arenzano per la Terra e per l’Uomo” ispireranno, tappa dopo tappa, questo iter creativo e di ricerca dedicato ai temi dell’ambiente e al valore della vita sulla Terra. Dal 18 al 27 marzo Rebecca sarà in Svizzera, per riflettere sulla prima tesi della Carta: “il rapporto con la terra comporta anche responsabilità e doveri”. Cuore dell’evento è un focus intorno al ruolo che la politica ha nelle singole realtà geografiche di un mondo ormai totalmente interconnesso. Una la questione di fondo: può la politica modificare se stessa al fine di preservare la specie umana e la terra che ci ospita? Il tutto sarà sviscerato durante un fitto programma di incontri, conferenze e workshop con altri artisti, nel tentativo di condividere idee e possibili letture del rapporto arte, scienza e ambiente. Un’opera video sarà realizzata per l’occasione da Rebecca Ballestra insieme a Luca Coclide, coinvolgendo i cittadini e i due istituti internazionali Kalart e Progr – Zentrum fur Kulturproduktion.

– Helga Marsala

www.journeyintofragility.com

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.