Uno slovacco a Roma. Con Ján Vasilko inaugura la galleria Anteprima. Tra utopie costruttiviste e suggestioni tecnologiche, un opening di sola pittura

La crisi e i musei che traballano. La crisi e le gallerie che chiudono. Ma, in questo desolante panorama italico, ogni tanto arriva anche la notizia di qualche apertura. Nuovi spazi, nuove energie in campo. Così, a Roma, il 2 marzo apre i battenti Anteprima, nuova galleria dall’anima contemporanea che punta, guarda un po’, sulla […]

Ján Vasilko, Untitled5, acrilico su tela

La crisi e i musei che traballano. La crisi e le gallerie che chiudono. Ma, in questo desolante panorama italico, ogni tanto arriva anche la notizia di qualche apertura. Nuovi spazi, nuove energie in campo. Così, a Roma, il 2 marzo apre i battenti Anteprima, nuova galleria dall’anima contemporanea che punta, guarda un po’, sulla pittura: troppo spesso snobbata in Italia, la cara, vecchia pittura resta invece l’oggetto del desiderio per eccellenza dei collezionisti, nonchè il linguaggio più diffuso tra gli artisti. Lo spazio di Piazza Mazzini parte con una personale di Ján Vasilko: due serie di dipinti, una attualissima e una precedente, che restituiscono al meglio il profilo del giovane pittore slovacco.
Una ricerca, la sua, che attinge a piene mani dalla storia e dalla grade eredità delle avanguardie fra le due guerre: costruttivismo, suprematismo e dadaismo sono un serbatoio straordinario da cui Vasilko recupera idealismo, romanticismo, astrazione e rigore architettonico. Un tuffo nella tradizione, riattualizzata nelle sue scritture pittorico-geometriche e ibridata con la passione per il mondo delle macchine, della produzione agraria ed industriale, dei robot. Le sue “architetture ascetiche” sono così eredi di utopie del passato (dalle torri di Tatlin ai ferri da stiro di El Lisickij), ma rappresentano al contempo la proiezione di un presente tecnologico verso un futuro da progettare ed edificare.

– Helga Marsala

www.anteprimadartecontemporanea.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Sache’

    Brava Lydia pribisova. bella mostra in questa nuova galleria