Ma quanto ne parlano? A Milano i musei segnano il passo, ma di contemporaneo si discute in tutte le salse

Se la vivacità culturale sul fronte contemporaneo, e magari la dotazione di strutture adeguate a supportarla, fossero proporzionali al numero di parole e riflessioni che a queste sono dedicati, non c’è dubbio che Milano non avrebbe rivali nel mondo intero. Fra forum della cultura, attività di università e master, dibattiti, conferenze, incontri programmatici, il teorizzare […]

Stefano Boeri, fra i relatori alla Bocconi

Se la vivacità culturale sul fronte contemporaneo, e magari la dotazione di strutture adeguate a supportarla, fossero proporzionali al numero di parole e riflessioni che a queste sono dedicati, non c’è dubbio che Milano non avrebbe rivali nel mondo intero. Fra forum della cultura, attività di università e master, dibattiti, conferenze, incontri programmatici, il teorizzare la contemporaneità possibile pare aver sostituito il realizzarla, il concretizzarla, strutturarla.
Appuntamenti sempre dottissimi, certamente utili ad aggiungere nuove idee ed a focalizzare prospettive, che tuttavia faticano a tradursi in concrete politiche strutturali. Qualcosa potrebbe emergere dall’incontro dall’emblematico titolo Milano: il futuro contemporaneo, organizzato dal centro ASK – Art, Science and Knowledge e dal Master of Science in Economics and Management in Arts, Culture, Media and Entertainment dell’Università Bocconi. L’occasione – assicurano i promotori – “per condividere evidenze e priorità , riflettere sui bisogni, analizzare le capacità istituzionali con l’obiettivo di accompagnare una convergenza di visioni ed energie verso i modi migliori di sostenere le arti e le produzioni culturali”.
Fra i molti relatori l’Assessore alla Cultura Stefano Boeri, Pasquale Leccese di Startmilano, Marina Pugliese del Museo del Novecento, Patrizia Brusarosco di Viafarini Docva, Anna Detheridge di Connecting Cultures, Angela Vettese per le Università Bocconi e Iuav Venezia.

Mercoledì 14 Marzo 2012 – ore 9.30
Università Bocconi
Via Röntgen 1 – Milano
www.unibocconi.it/eventi

  • Valeria Vaccari

    si, ne parlano e basta perché non hanno i soldi per realizzare nulla!
    quindi parlano a vanvera!

    • SAVINO MARSEGLIA

      la chiaccherologia è la vera arte italiana dell’establishment del nulla.

    • L. emula di Rossi

      Mi domando perché si rendono ‘ pubblici ‘ i bandi per le direzioni dei musei , quando il più delle volte sono già dirottati verso l’ amico di turno .
      Forse a questi ‘ signori ‘ bisognerebbe dire che un certo comportamento sarebbe consono per una propria Fondazione , non per un museo pubblico pagato in parte dai contribuenti ….
      Un tale comportamento é sintomatico della REPUBBLICA DELLE BANANE .
      Gli SCIMMIONI che vogliono ingurgitare tutto , e tutti , da esseri non pensanti attivano ‘ una non selezione ‘ senza scrupoli e pensieri nei confronti della società .
      Il pianeta delle SCIMMIE é qui .
      Finché starete zitti ed darete l’ autorità alla SCIMMIA di turno , non cambierà nulla in Italia .
      Questa volta la SCIMMIA non é la politica , ma la casta ………..