Lo Strillone: Tyler Brûlé e la fascinazione della carta su La Repubblica. E poi Alemanno e i restauri del Colosseo, l’Autoritratto leonardesco della Biblioteca Reale, Dimore Storiche Italiane…

Tyler Brûlé intercettato da La Repubblica: il papà di Wallpaper e Monocle racconta la fascinazione della carta e come, pur vivendo tra smartphone e tablet, si possa ancora andare in stampa con gioia. Il Giornale inventa il coccodrillo senza melassa: riconosce (come tutti, oggi) il talento del fu Antonio Tabucchi, ma fedele alla propria linea […]

Tyler Brûlé

Tyler Brûlé intercettato da La Repubblica: il papà di Wallpaper e Monocle racconta la fascinazione della carta e come, pur vivendo tra smartphone e tablet, si possa ancora andare in stampa con gioia. Il Giornale inventa il coccodrillo senza melassa: riconosce (come tutti, oggi) il talento del fu Antonio Tabucchi, ma fedele alla propria linea sconfessa il polemista anti-berlusconiano.

Un fondo su Quotidiano Nazionale virgoletta il sindaco di Roma Gianni Alemanno: ad aprile partono i restauri al Colosseo. Forse. La carrellata di inizio settimana proposta da La Stampa ci porta a Rovereto per Gina Pane, ad Alessandria per Giò Pomodoro e a Milano, tra Ambramovic e Marlene Dumas. Non manca il caustico Rocco Moliterni: se l’Autoritratto leonardesco della Biblioteca Reale è malconcio c’è da cazziare pure l’ex ministro Galan, che lo volle in mostra per il 150° dell’Unità.

Grido d’allarme per l’Associazione Dimore Storiche Italiane: Corriere della Sera riporta la sua battaglia contro l’IMU. Se una villa di pregio vale quanto un centro commerciale è già pronta la schiera di nobili decaduti pronta al cartello “vendesi”.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.