Lo Strillone: ipotesi soppressione del Ministero per i Beni Culturali su L’Unità. E poi svincoli fiscali per l’arte, Piazza della Signoria, Canova torna a splendere…

MiBAC, scontro finale: su L’Unità Luca Del Fra teorizza il collasso di un ministero strozzato dalla penuria di soldi contesi tra tecnici e manager. Infilata di scandali e scaldaletti, dai fondi pubblici usati per sistemare casa Carandini all’acquisizione del finto Michelangelo da parte del fu Bondi: e se si andasse verso la soppressione del dicastero […]

Quotidiani
Quotidiani

MiBAC, scontro finale: su L’Unità Luca Del Fra teorizza il collasso di un ministero strozzato dalla penuria di soldi contesi tra tecnici e manager. Infilata di scandali e scaldaletti, dai fondi pubblici usati per sistemare casa Carandini all’acquisizione del finto Michelangelo da parte del fu Bondi: e se si andasse verso la soppressione del dicastero e la sua assimilazione all’Ufficio di Presidenza del Consiglio?

Se il pubblico arranca meno male c’è il privato: Il Sole 24Ore prosegue il proprio viaggio nell’economia della cultura. Focus odierno su mecenatismo e svincoli fiscali a chi sostiene l’arte. Ultimo domicilio conosciuto: Cambogia. La Stampa ritrova a New York la preziosa statua Khmer rivendicata dal governo del Paese asiatico, ma finita – chissà per quali giri – all’asta da Sotheby’s.

Per Tomaso Montanari e Il Fatto Quotidiano la proposta di ripavimentare Piazza della Signoria in cotto è semplicemente “grottesca”; dopo la breve di ieri, oggi Libero dedica un primo piano ai documenti vaticani in mostra ai Musei Capitolini. La Danzatrice con i cembali del Canova torna a splendere: Corriere della Sera racconta il restauro del capolavoro, mutilato dalle granate austriache durante la Grande Guerra.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.