L’allieva e il maestro. Bjarne Melgaard porta Paola Angelini in Biennale e da lì l’occasione: una mostra a Oslo con la galleria Rod Bianco. Tutte le foto

Tutto cominciò a Venezia. Giugno 2011, Biennale Arti Visive, padiglione Norvegia. Qui, negli spazi del quattrocentesco Palazzo Contarini Corfù, per due mesi di fila Paola Angelini aveva allestito il suo atelier temporaneo, ospite di Bjarne Melgaard, artista norvegese chiamato a rappresentare il suo Paese in laguna. Il progetto si chiamava Baton Sinister e si legava […]

Paola Angelini, Blue Memory - Rod Bianco Gallery, Oslo

Tutto cominciò a Venezia. Giugno 2011, Biennale Arti Visive, padiglione Norvegia. Qui, negli spazi del quattrocentesco Palazzo Contarini Corfù, per due mesi di fila Paola Angelini aveva allestito il suo atelier temporaneo, ospite di Bjarne Melgaard, artista norvegese chiamato a rappresentare il suo Paese in laguna. Il progetto si chiamava Baton Sinister e si legava all’esperienza di Melgaard come insegnante allo IUAV: a fine corso l’artista selezionò alcuni dei suoi studenti per un’esposizione all’interno del Padiglione. Tra questi c’era anche la Angelini, nata a San Benedetto del Tronto nell’83 e spostatasi a Venezia per studiare: durante il periodo di work in progress la giovane ha prodotto sei grandi dipinti a olio, realizzati a quattro mani proprio con Melgraad, mentre il mese successivo all’inaugurazione è rimasta per un open studio, realizzando un’altra grande tela. È in questo frangente che i galleristi di Rod Bianco, noto spazio di Oslo, si accorgono di lei e la “ingaggiano”. Ed eccola, lo scorso 22 marzo, inaugurare lì una sua personale: la “prima volta” con un artista italiano per la galleria norvegese. In mostra tutti i lavori prodotti a Venezia, insieme a una serie di pezzi nuovi di zecca. Per farvi un’idea del lavoro di questa talentuosa emergente, Artribune pubblica un po’ di foto dell’exhibition view…

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Yamada

    Brava! Il talento e la fatica pagano.