Italiani in Francia, dal Rinascimento al fashion world. Leonardo è di scena al Louvre, con la sua Sant’Anna appena restaurata. Sponsor dell’evento lo stilista Salvatore Ferragamo

Uno sponsor d’eccezione per il genio di tutti i tempi, Leonardo Da Vinci. Uno sponsor che, come quasi sempre accade, arriva dal mondo della moda. È lo stilista e imprenditore Salvatore Ferragamo a supportare la mostra-evento in programma al Louvre dal prossimo 29 marzo, dedicata a un’opera del maestro fiorentino, quella celeberrima Sant’Anna, la Vergine […]

Sant'Anna, l'ultimo capolavoro di Leonardo

Uno sponsor d’eccezione per il genio di tutti i tempi, Leonardo Da Vinci. Uno sponsor che, come quasi sempre accade, arriva dal mondo della moda. È lo stilista e imprenditore Salvatore Ferragamo a supportare la mostra-evento in programma al Louvre dal prossimo 29 marzo, dedicata a un’opera del maestro fiorentino, quella celeberrima Sant’Anna, la Vergine e il Bambino con l’agnellino che, attraverso uno schema piramidale, articola figure e paesaggio in un movimento dinamico, atmosferico, trasmutativo. Il classico evolversi leonardiano di forme e geometrie, trionfo di una natura trasfusa nella grazia, disegna in questo memorabile olio su tavola un’affettuosa rappresentazione delle tre generazioni della famiglia di Gesù. Realizzata tra il 1503 e il 1519, l’opera è conservata dal museo parigino ed è stata recentemente restaurata. “La creatività, l’estetica innovativa ed una spasmodica sperimentazione”, ha commentato il mecenate Ferragamo “sono sempre stati i tratti distintivi del genio italiano espresso da Leonardo da Vinci e che noi abbiamo sempre apprezzato. Sono valori che hanno ispirato fin dai tempi di mio padre le nostre realizzazioni e la nostra realtà aziendale“.

Salvatore Ferragamo, collezione primavera-estate 2012

Sant’Anna – ultimo capolavoro di Leonardo, che morì 67enne poco dopo averlo ultimato – torna al suo originario splendore, nonostante le accese polemiche che hanno diviso restauratori e studiosi. Rivelando, tra l’altro, alcuni elementi decisivi: dall’intenso blu della veste dei Maria, che col tempo si era impallidito fino a quasi svanire, alle piccole onde che lambiscono i piedi della Santa, fino alle impronte digitali dell’artista, spuntate qui e là sulla tavola. Nessuna traccia di pennello nell’impasto pittorico, ma solo il segno di un intervento diretto con le dita: Leonardo, probabilmente, impastava e stemperava il colore sul supporto, orientando con la sensibilità fisica del tocco i passaggi tonali e i gradienti di luce, potentemente lirici.
In occasione della mostra, anche un appuntamento tutto dedicato al fashion. Il primo nella storia del Louvre, organizzato all’interno della piramide di vetro. Su una straordinaria passerella di 120 metri, allestita sotto le arcate del peristilio Denon, Ferragamo presenta la collezione Resort 2012, firmata da Massimiliano Giornetti. Visita guidata al Museo e cena super-esclusiva, per chiudere in grande stile la serata.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • Angelov

    Eccezionale! Finalmente anche Leonardo si è finalmente deciso di associare la propria firma ed il talento ad uno sponsor del proprio livello; come aveva del resto già fatto il Buonarroti, quando aveva accettato di fare quella famosa campagna pubblicitaria per il Vaticano, con quel suo affresco nella Cappella Sistina.
    In un momento di crisi per il Rinascimento, ben vengano queste fruttuose collaborazioni, capaci di ridare alla Cultura quel prestigio che senza il Commercio e l’Industria le sarebbe impossibile conseguire.
    E vi segnalo inoltre che i tecnici dell’azienda sponsor, hanno già pronti i nuovi modelli Infradito, ispirati ai bellissimi piedi di S.Anna e della Madonna, e che verranno resi noti alle prossime collezioni di primavera.

  • helga marsala

    francamente, non ho capito tutta questa ironia.