Imprese creative alla riscossa. Quelle appena nate, quelle in gestazione, quelle già affermate ma con tanta voglia di crescere. E la Provincia di Roma mette mano al portafogli

Lo Stato italiano aiuta le piccole imprese creative. Finalmente una buona notizia. Succede che la Provincia di Roma, tramite il Servizio 1 Servizi alle Imprese – Dipartimento Innovazione e Impresa e la Camera di Commercio di Roma, confermi per il terzo anno consecutivo il loro impegno per la valorizzazione del settore della creatività. Ecco dunque […]

Lo Stato italiano aiuta le piccole imprese creative. Finalmente una buona notizia. Succede che la Provincia di Roma, tramite il Servizio 1 Servizi alle Imprese – Dipartimento Innovazione e Impresa e la Camera di Commercio di Roma, confermi per il terzo anno consecutivo il loro impegno per la valorizzazione del settore della creatività. Ecco dunque un nuovo Fondo diretto a sostenere le imprese creative esistenti nel territorio dell’area metropolitana di Roma, favorendo al contempo la nascita di nuove.
In parole povere, 500mila euro per contributi finalizzati a sostenere più progetti: dalla creazione e l’avvio di micro, piccole e medie Imprese ad alto contenuto creativo e innovativo, a iniziative nei campi di architettura, arte, moda, editoria, industria delle spettacolo avviate da Imprese di recente formazione (meno di ventiquattro mesi a far data dal 9 gennaio 2012).
Il bando tiene conto della normativa europea sugli Aiuti de minimis del dicembre 2006, la quale stabilisce che le imprese possono ricevere aiuti di Stato per un importo massimo non superiore a 200mila euro in un periodo di tre anni. Per tale motivo l’agevolazione concessa ad ogni azienda sarà pari al 70% delle spese riconosciute ammissibili e comunque non potrà superare la somma di 25mila euro comprensiva delle ritenute fiscali. I contributi saranno assegnati sulla base di una graduatoria redatta dopo la valutazione dei progetti presentati e fino all’esaurimento del fondo complessivo disponibile.
Come partecipare? Basta presentare un’istanza di partecipazione, ma stando bene attenti a utilizzare gli schemi di domanda scaricabili dal sito www.provincia.roma.it, percorso “Innovazione e Impresa”, box “Eventi e iniziative”, in carta semplice e con le modalità descritte dall’articolo 3 del Bando. Scadenza? 9 marzo 2012. Affrettatevi. Lo start up è più semplice a Roma, purché al timone ci siano le idee. Solo per aziende ad alto tasso di creatività.

– Claudia Giraud