“Gli Imperdibili della settimana”. La storia della Luna, Hirst in diretta, Street View in Amazzonia. E Toulouse Lautrec in versione molto privata…

Gli Imperdibili, 24 marzo 2012 Ecco come la luna è diventata la luna. Una bellissima animazione della NASA racconta la storia del satellite più romantico che c’è.    Sembra il trailer di un film horror invece è uno spot del genere “pubblicità progresso”. Un breve video per incitare gli abitanti di New York a tenere […]

Google Street View in Amazzonia

Gli Imperdibili, 24 marzo 2012


Ecco come la luna è diventata la luna. Una bellissima animazione della NASA racconta la storia del satellite più romantico che c’è. 

 


Sembra il trailer di un film horror invece è uno spot del genere “pubblicità progresso”. Un breve video per incitare gli abitanti di New York a tenere la città più pulita. Però il regista è David Lynch…

 

Un documento storico prezioso. È il brevetto presentato nel 1958 dalla Lego per i suoi famosi mattoncini.

 


170 partecipanti, di età compresa tra i 5 e i 55 anni, provenienti da 165 città diverse, 20 Paesi, 5 continenti. Sono i numeri del videoclip di “The Winter”, ultimo singolo dei californiani Cake.

 

Il negozio Moore a Londra

Tredici anni fa, Brian Moore, proprietario di un negozio di abbigliamento maschile a Londra, ha deciso di interrompere la propria attività. Però ha lasciato tutto com’era, vetrina compresa. I segni del tempo, in mostra in un museo su strada.

 


Loïe Fuller è, insieme a Isadora Duncan, la pioniera indscussa della danza contemporanea. In questo eccezionale video, girato nientemeno che dai fratelli Lumière, la vediamo alle prese con la sua “serpentine dance”…

 


Avanguardia pop su Youtube: 130 episodi dei Simpson in contemporanea su un unico schermo.

 

Google Street View in Amazzonia

Google Street View approda in Amazzonia. Grazie a un progetto realizzato in collaborazione con la Amazonas Sustainable Foundation (FAS), da oggi potete visitare virtualmente la foresta pluviale…

 

Il live streaming dallo studio di Damien Hirst

La sua mega retrospettiva alla Tate sta per aprire. Per l’occasione, Damien Hirst ha ristilizzato il suo sito web. E come sfondo c’è il live streaming dal suo studio. Lui non si vede mai, ma i suoi assistenti lavorano alacremente.


Toulouse-Lautrec sulla spiaggia

Questa è bizzarra. Una sequenza di fotografie che ritraggono di Henri de Toulouse-Lautrec mentre… espleta i suoi bisogni sulla spiaggia. Sono state scattate nel 1898 dal gallerista parigino Maurice Joyant.

 

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.