David Lynch artista. Aperta a New York una mostra di pittura e scultura presso la Tilton Gallery. Evento che segna il suo ritorno nella Grande Mela

David Lynch non ha certo bisogno di presentazioni. Ma se è universalmente noto e apprezzato in campo cinematografico, meno conosciuta è la sua attività artistica. Il regista americano invece dipinge da sempre, e ben prima di mettersi dietro a una videocamera già frequentava l’Accademia di Belle Arti in quel di Philadelphia. Ha esposto in varie […]

David Lynch – Bobs Second Dream

David Lynch non ha certo bisogno di presentazioni. Ma se è universalmente noto e apprezzato in campo cinematografico, meno conosciuta è la sua attività artistica. Il regista americano invece dipinge da sempre, e ben prima di mettersi dietro a una videocamera già frequentava l’Accademia di Belle Arti in quel di Philadelphia.

Ha esposto in varie occasioni i suoi lavori (la location più importante è stata la parigina Fondation Cartier nel 2007), ma non presentava una mostra a New York dal lontano 1989. Torna oggi nella Grande Mela con una personale alla Tilton Gallery (fino al 14 aprile 2012), che include dipinti, disegni, sculture, oggetti e persino un film, lungo però solo 42 secondi. Lo stile, non c’è quasi bisogno di dirlo, è surreale e drammatico, insomma pienamente “lynchiano”.

– Valentina Tanni

www.jacktiltongallery.com

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.