Chiamatela fiera da spiaggia. Viene dalla Florida, per intercettare i vacanzieri newyorkesi: a luglio debutta Art Southampton

Non c’è due senza tre. La prima – ne abbiamo lungamente parlato – è Art Miami, fiera satellite di Art Basel Miami Beach, che si svolge a dicembre in downtown. La seconda creatura di Nick Korniloff (in partnership con Mike Tansey e Brian Tyler) e del suo team si è tenuta per la prima volta […]

Una veduta di Southampton

Non c’è due senza tre. La prima – ne abbiamo lungamente parlato – è Art Miami, fiera satellite di Art Basel Miami Beach, che si svolge a dicembre in downtown. La seconda creatura di Nick Korniloff (in partnership con Mike Tansey e Brian Tyler) e del suo team si è tenuta per la prima volta a febbraio, durante “The President  Day Weekend”, sotto il nome di Art Wynwood, lo stesso del district design da cui ha preso il nome. Ha richiamo oltre 20mila visitatori e ha dichiarato di aver conquistato forti vendite per l’88 % degli espositori. Qualche esempio? Un Alexander Calder ceduto da Waterhouse & Dodd (Londra) per più di 100mila dollari; affari per 400mila, invece, realizzati dalla locale Cernuda Arte, e così via.
Non era però sufficiente, pare, tanto che il gruppetto ha deciso di lanciare un terzo progetto, lasciando la Florida e puntando verso Nord. Si chiama Art Southampton, si svolge questa volta sulle omonime fascinose spiagge non lontane da New York e sceglie, infatti, come periodo quello tra il 26 e il 30 luglio. Dopo il week end del presidente, il messaggio è chiaro: “Vogliamo acchiappare i collezionisti in vacanza”.  E per farlo selezionano una settantina di gallerie internazionali, si affiancano nuovamente ad una iniziativa di responsabilità sociale (che beneficerà dei risultati della preview) e si avvalgono di un comitato di critici e curatori, garante della qualità delle opere esposte. I nomi? Per ora gli organizzatori restano abbottonati…

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.