Bozen Updates: metamorfosi completata, parte una fiera KunStart all-contemporary. Che guarda caso strizza l’occhio alla Corea…

Emergente, accessibile, glocale: sono le tre caratteristiche che contraddistinguono l’edizione 2012 di KunStart, Biennal Art Fair for Emerging Contemporary Art, che apre le porte oggi 16 marzo presso la fiera di Bolzano. Caratteristiche a cui si aggiunge anche green, grazie all’accoppiata con la fiera di design Arredo, incentrata sul tema dell’upcycling (rivalorizzazione dei materiali di […]

Emergente, accessibile, glocale: sono le tre caratteristiche che contraddistinguono l’edizione 2012 di KunStart, Biennal Art Fair for Emerging Contemporary Art, che apre le porte oggi 16 marzo presso la fiera di Bolzano. Caratteristiche a cui si aggiunge anche green, grazie all’accoppiata con la fiera di design Arredo, incentrata sul tema dell’upcycling (rivalorizzazione dei materiali di recupero) e che mette a disposizione dei visitatori uno Special Bike Project.
Sarà dunque l’arte emergente la protagonista di questi tre giorni di KunStart, che ha progressivamente eliminato la componente del moderno per arrivare al 100% di espositori attivi nel contemporaneo. Tra i corridoi un inizio ancora lento, ultimi ritocchi agli stand, in attesa dell’inaugurazione alle ore 19, a cui seguiranno tutti gli eventi correlati al focus di quest’anno dedicato alla Corea.

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.