San Valentino ad arte vol. 2: c’è cuore e cuore. A Roma la mostra shock Body Worlds offre lo sconto agli innamorati per vederne uno vero. Plastinato…

L’idea non sarà propriamente romantica, ma quantomeno è originale: per San Valentino regala alla tua metà una lezione d’anatomia. Una cosa del genere devono aver pensato a Roma alla mostra Body Worlds, forti dei loro oltre 100mila visitatori e di un consenso trasversale che ha coinvolto persino l’Osservatore Romano, quando si sono inventati il “loro” […]

L’idea non sarà propriamente romantica, ma quantomeno è originale: per San Valentino regala alla tua metà una lezione d’anatomia. Una cosa del genere devono aver pensato a Roma alla mostra Body Worlds, forti dei loro oltre 100mila visitatori e di un consenso trasversale che ha coinvolto persino l’Osservatore Romano, quando si sono inventati il “loro” San Valentino: un classico due per uno (che già adottano molti spazi espositivi in occasione del giorno degli innamorati) al grido di “il cuore come non l’avete mai visto”.
E in effetti nella mostra shock che espone veri corpi umani (mummificati attraverso un processo che si chiama plastinazione) del cuore e del suo funzionamento si parla diffusamente (l’edizione romana, la prima in Italia, è proprio la monografia dedicata al sistema cardiovascolare) e nei dettagli, spiegando anche le ragioni “fisiche” dell’innamoramento. Per San Valentino, poi, arriva il secondo contest fotografico lanciato dalla mostra: solo durante la giornata del 14 sarà consentito ai visitatori di scattare immagini all’interno dell’allestimento. Per le tre migliori istantanee dalla mostra “del cuore” un premio.

Fino al 31 marzo 2012
Via dei Monti della Farnesina 73 (zona Stadio Olimpico) – Roma
www.bodyworlds.it

Macché Damien Hirst, qui si espongono cadaveri veri. Arriva a Roma Body Worlds, la mostra dei record e delle sicure polemiche. Foto in anteprima solo per stomaci forti

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.