Sabato per mostre 2: tra stile e sovversione. Viene da Londra il Postmodernismo che apre l’era Collu al Mart, ecco la gallery di Artribune

Primavera anticipata sullo Stivale, si accennava: quindi fuori di casa, si va a vedere qualche bella mostra, il materiale non manca. Abbiamo iniziato il sabato di art tour da Roma, con Tintoretto: ora un bel salto verso Nord, al Mart per la prima mostra dell’era Collu. Direttamente da Londra, organizzata dal Victoria and Albert Museum […]

Cindy Sherman - Untitled (W 532-54), 1980, Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, Deposito Eredi Alessandro Grassi

Primavera anticipata sullo Stivale, si accennava: quindi fuori di casa, si va a vedere qualche bella mostra, il materiale non manca. Abbiamo iniziato il sabato di art tour da Roma, con Tintoretto: ora un bel salto verso Nord, al Mart per la prima mostra dell’era Collu.
Direttamente da Londra, organizzata dal Victoria and Albert Museum e curata da Glenn Adamson e Jane Pavitt, arriva Postmodernismo. Stile e Sovversione 1970 – 1990, la prima rassegna completa sull’arte, l’architettura e il design degli anni Settanta e Ottanta, “un periodo segnato dai controversi tentativi di definire i nuovi scenari culturali dopo le grandi stagioni delle avanguardie moderne”.
I nomi che contano ci sono tutti, da Ettore Sottsass e lo Studio Memphis a Philip Johnson, Robert Rauschenberg, Cindy Sherman, Ai Weiwei, Jeff Koons, Jenny Holzer, Derek Jarman, fino a Zaha Hadid, Frank O. Gehry e Arata Isozaki. Avete diversi mesi per passare dalle parti di Rovereto, la sosta la merita tutta: intanto accontentatevi della nostra gallery…