Murakami webstar. L’artista giapponese inaugura una “gigantesca” personale in Qatar curata da Massimiliano Gioni. E per una volta il museo non fa il misterioso

La mostra apre ufficialmente domani, ma le immagini circolano già in rete, diffuse copiosamente dallo stesso Qatar Museums Authority (QMA). Anzi, a dirla tutta, il museo arabo ha dato una bella lezione dimostrativa su come le istituzioni culturali possano e debbano usare i mezzi di comunicazione. Attraverso il sito web e gli account di Twitter, […]

Takahashi Murakami, Ego, Qatar Museums Authority

La mostra apre ufficialmente domani, ma le immagini circolano già in rete, diffuse copiosamente dallo stesso Qatar Museums Authority (QMA). Anzi, a dirla tutta, il museo arabo ha dato una bella lezione dimostrativa su come le istituzioni culturali possano e debbano usare i mezzi di comunicazione. Attraverso il sito web e gli account di Twitter, Facebook, Youtube e Issuu, tutto il mondo ha potuto seguire le fasi di ideazione, progettazione e allestimento di Ego, grande personale di Takashi Murakami curata dal neodirettore della Biennale di Venezia Massimiliano Gioni.

Già da diverse settimane infatti, le foto dell’artista e dello staff del museo all’opera rimbalzano sui blog e le bacheche di Facebook, alimentando commenti e curiosità (c’è stato anche qualcuno, come il critico Greg Allen, che ha scambiato i cartoni preparatori per delle nuove opere insospettabilmente “povere”). Ma eccola finalmente, la mostra, appena aperta per giornalisti e addetti ai lavori, immortalati mentre prendono appunti sotto una gigantesca statua-ritratto dell’artista.

– Valentina Tanni

www.qma.org.qa
www.facebook.com/QatarMuseumsAuthority
www.twitter.com/QatarMuseumsAut
www.youtube.com/QMAchannel

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.
  • Rino Marcello

    e questo sarebbe un grande inarrivabile artista? Anche lui è un bluff del mercato tenuto in scacco dalle case di moda e dall’avanguardia finanziaria, espressione, guarda un po’, proprio dello stesso Gioni!

    • SAVINO MARSEGLIA (artista)

      Di cosa più meravigliarsi? E’ una fissazione di “curatori alla moda” sostenere “l’artista” di moda. Dal momento che questi curatori conoscono a fondo le case di moda, ne seguono anche le tendenze. Un artista completamente ribelle e virtuoso non potrebbe sopravvivere un minuto in questo salotto mondano e superficiale dell’arte…

      • fausto

        Dobbiamo chiederci se c’è una ragione per infierire su queste figure di curatori e artisti decorativi che si menano tra un aperitivo e un cannolo nei salotti mondani della moda…

    • SAVINO MARSEGLIA

      SONO LA REGINA DEL SISTEMA DELL’ARTE GLOBALE!
      SONO RICCA E MOLTO POTENTE !

      CON IL MIO POTERE POSSO COSTRUIRE FINTI ARTISTI E CURATORI-CICISBEI !

      CON LA MENZOGNA POSSO MANIPOLARE IL MERCATO DELL’ARTE !

  • 1b

    murakami è la caricatura fashion di un rispettabile mangaka giapponese random . non capisco come possano esistere collezionisti feticisti di quegli orribili fiorellini stereotipati sorridenti, a me mettono ansia . alcuni quadri e funghetti fatti dai suoi assistenti però non sono male bisogna riconoscerlo, ma sul genere è molto più talentuosa chiho aoshima .

  • artrasch

    Non sarà un caso che il noto possessore di marchi di moda pinault sia anche un suo sostenitore, come per cattelan, …

    • SAVINO MARSEGLIA (artista)

      Credete forse che questi artisti di moda, abbiano reso l’arte migliore?