Mostra o promotional tour? Andy Warhol in viaggio per tutta l’Asia, sono i “consigli per gli acquisti” firmati Christie’s…

La mostra aprirà il suo tour a Singapore, portandosi dietro trecento opere in viaggio per due anni, passando per Hong Kong, Shanghai, Pechino e Tokyo, tra marzo 2012 e 2014. Con sponsor d’eccezione come Christie’s, Bloomberg, the Economist e BNY Mellon (banca di Pennsylvania): parliamo della grandiosa retrospettiva dedicata ad Andy Warhol, che porterà il […]

Andy Warhol

La mostra aprirà il suo tour a Singapore, portandosi dietro trecento opere in viaggio per due anni, passando per Hong Kong, Shanghai, Pechino e Tokyo, tra marzo 2012 e 2014. Con sponsor d’eccezione come Christie’s, Bloomberg, the Economist e BNY Mellon (banca di Pennsylvania): parliamo della grandiosa retrospettiva dedicata ad Andy Warhol, che porterà il re del mercato in tutte le regioni asiatiche, a conoscere direttamente i suoi nuovi collezionisti.
La mostra, il cui titolo si ispira alla famosa frase di Warhol, 15 Minutes Eternal, è il frutto di un anno di progettazione da parte dell’Andy Warhol Museum di Pittsburgh, con opere appartenenti proprio all’istituzione, tranne due in prestito da collezionisti privati. Le singole mostre saranno accompagnate da esclusivi cocktail, funzionali all’intento principalmente commerciale dell’evento che vuole dare ai collezionisti asiatici una panoramica dell’opera dell’artista, di cui Christie’s si augura di beneficiare nelle sue prossime aste di Hong Kong, dopo il relativo rallentamento del mercato asiatico nel 2011 (+11% rispetto al +114% nel 2010).

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.