L’Italia che vince, nel mondo. Lo studio di progettazione Progetto CMR cresce ancora nella classifica World Architecture Top 100

Nonostante Standard & Poor’s abbia previsto che a breve l’Italia verrà declassata, qualche buona notizia ogni tanto arriva: è di ieri il prestigioso incarico a Massimiliano Gioni alla Biennale di Venezia, ed a farsi valere è anche il mondo degli studi di progettazione. È il caso di Progetto CMR, unica realtà italiana che per il […]

Progetto CMR - China Railway Pavilion

Nonostante Standard & Poor’s abbia previsto che a breve l’Italia verrà declassata, qualche buona notizia ogni tanto arriva: è di ieri il prestigioso incarico a Massimiliano Gioni alla Biennale di Venezia, ed a farsi valere è anche il mondo degli studi di progettazione. È il caso di Progetto CMR, unica realtà italiana che per il quarto anno consecutivo si riconferma tra i primo cento studi di architettura nel panorama mondiale. Giunta alla 17a edizione, la prestigiosa classifica 2012 World Architecture Top 100 è stata stilata sulla base di un questionario, al quale hanno preso parte oltre duemila studi di progettazione in tutto il mondo. Progetto CMR risulta essere in forte crescita, riuscendo addirittura a passare dalla 97a alla 78a posizione. Fondato nel 1994 a Milano dall’architetto Massimo Roj, è specializzato nella progettazione integrata: tra gli ultimi progetti italiani da segnalare la riconversione delle torri del centro direzionale Garibaldi a Milano.
La società ha filiali in Europa e sta continuando a investire sui mercati asiatici, quali Cina e India: è infatti presente con uffici a Pechino e a Tianjin, dove lo scorso autunno è stato completata la costruzione del Songjiang Stadium, seconda squadra della città cinese. La società ha inoltre partecipato all’esposizione Shanghai World Expo 2010 con il progetto del China Railway Pavillion, realizzato in collaborazione con il Ministero delle ferrovie cinesi. Novità quest’anno infine l’assegnazione del nono posto della classifica nella sezione Product design, uno dei settori di punta dello studio, tra le cui realizzazioni figura la linea di arredi per uffici K_word. Progetto CMR è forte di un motto quanto mai attuale: “Less ego, more eco”, una maniera concreta per rispondere alla necessità di un cambiamento globale che guardi ai principi della sostenibilità, tematica ormai sempre più pressante e presente…

– Elisabetta Biestro

CONDIVIDI
Elisabetta Biestro
Laureata in Architettura per il restauro e la valorizzazione dei beni architettonici e ambientali, dal 2009 scrive per il mensile "Il Giornale dell'Architettura". Ha collaborato tra gli altri con Green Building Council Italia (GBC Italia), associazione no profit che promuove il protocollo per edilizia sostenibile certificata LEED®. Si è specializzata in corsi post-laurea legati alla gestione e controllo di progetti complessi, e nella divulgazione di tematiche quali conservazione del patrimonio architettonico e ambientale, interventi nei Paesi in via di sviluppo a basso costo e sostenibili. Attualmente cura le attività dell'ufficio comunicazione di una multiutility con sede in Piemonte, che sviluppa progetti legati alle energie rinnovabili e all’ambiente.