Il 2012 della Fondazione Bevilacqua La Masa? Ve lo facciamo raccontare direttamente da Angela Vettese. Domani su Artribune l’intervista esclusiva, qui un assaggio…

Giovani artisti, collaborazioni con rilevanti istituzioni culturali italiane (il DOCVA) e internazionali, mostre sulla trasversalità sessuali, fino a personali di grandi artisti. Questo in due parole il 2012 della Fondazione Bevilacqua La Masa, delineato dal presidente Angela Vettese nell’incontro avvenuto a Milano nella sede della SEC. Nello specifico la critica – con la quale domani […]

Angela Vettese
Angela Vettese

Giovani artisti, collaborazioni con rilevanti istituzioni culturali italiane (il DOCVA) e internazionali, mostre sulla trasversalità sessuali, fino a personali di grandi artisti. Questo in due parole il 2012 della Fondazione Bevilacqua La Masa, delineato dal presidente Angela Vettese nell’incontro avvenuto a Milano nella sede della SEC. Nello specifico la critica – con la quale domani Artribune vi proporrà un’intervista esclusiva su questo, e su molto altro – ha delineato l’attività con i giovani artisti dei 12 atelier, che ogni anno configurano sono protagonisti di almeno due mostre, due pubblicazioni e moltissime studio visits. Per quanto riguarda il rapporto tra la fondazione veneziana e il Teatro La Fenice, la Vettese ha annunciato che Stefano Arienti creerà una coreografia nel contesto di un festival sperimentale di danza; e avrà una propria personale negli spazi della Fondazione, accanto a nomi come quelli di Grazia Toderi, William Kentridge, Rebecca Horn, Kim Sooja e Jana Sterbac.
Un’altra personale in programma sarà quella di Elisabetta di Maggio, mentre proprio Venezia sarà protagonista delle fotografie di Axel Hutte, che ha già trascorso un lungo periodo nelle foresterie per vivere a contatto con la città. In primavera verrà allestito un convegno sulla luce, in collaborazione con molte università italiane, e sarà rinnovata la collaborazione con il Camden Art Center di Londra, mentre si sta lavorando per riuscire a realizzare la mostra già programmata di Zoe Leonard.

– Ginevra Bria

www.bevilacqualamasa.it

  • DSK

    Un’istituzione ostaggio (da quasi un decennio) di personaggi che attuano metodi di lobbismo sfrenato / baronia universitaria. Per chi è interessato ad una dettagliata controinformazione sul caso rimando al blog TRANQUI2 dove trovate un’intera sezione dedicata alla lobby Vettese:

    http://tranqui2.blogspot.com/

  • Giornalista aggredito all’ingresso della mostra Cina – Venezia (Bevilacqua La Masa) .
    Selezione di articoli online sulla protesta di alcuni manifestanti (tra cui Manfred Manera) al vernissage di “Paesaggi, visioni, ricordi. Artisti in dialogo tra la Cina e Italia”, esposizione aperta in occasione dell’Hangzhou Day e dell’Anno della Cultura Cino-Europea, nel quadro di una giornata di incontri organizzata dal Comitato Expo per Venezia. Gli artisti italiani esposti sono stati selezionati tra quelli della scuderia Bevilacqua La Masa. Due portinai e tre camerieri hanno bloccato Manera all’ingresso, cercando poi d’impedire ai manifestanti di entrare.
    Il fondato timore è che, come afferma Manera “nel coltivare legami d’affari e d’amicizia con la Cina, s’importino pratiche liberticide e lesive dei diritti umani”, e , aggiungo io, di censura del pluralismo e sfruttamento del lavoro.
    Di “Paesaggi, visioni, ricordi”, per ora, non troviamo traccia nel sito delle Bevilacqua. Perché? Qual’è la posizione della direzione Bevilacqua rispetto all’aggressione avvenuta durante la protesta al vernissage?

    Sottolineo inoltre che l’esposizione di un collettivo cinese era già avvenuta nella medesima fondazione contemporaneamente alla discussa riconferma di Vettese, quindi (ancora una casualità?) in parallelo ad una vicenda che riguarda, appunto, problematiche di pluralismo e di corretto rapporto tra potere culturale e diritti di fasce sociali deboli.
    .
    Giornalista aggredito all’ingresso di mostra collettiva con artisti Cinesi e Italiani:
    http://www.laogai.it/2012/03/giornalista-aggredito-allingresso-di-mostra-collettiva-di-artisti-cinesi-e-veneziani/
    .
    http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2012/03/12/news/tibetani-cacciati-davanti-alla-delegazione-cinese-1.3285469
    .
    http://www.turismovenezia.it/Venezia/Paesaggi-Visioni-Ricordi-Artisti-in-dialogo-tra-Cina-e-Italia-321277.html
    .
    http://www.youtube.com/watch?v=h2FUaUCDv54
    .
    L’agghiacciante risposta di Laura Fincato nel sito expo.venezia.it dimostra assoluta insensibilità sulle questioni riguardanti diritti umani & Tibet:
    “Quello che è invece da ritenere offensivo è quanto scritto nel volantino al proposito del “piegarsi solo agli interessi commerciali e celebrare gemellaggi di affari”. Ma mi sia permesso di definire ignoranza di quanto stiamo facendo, come Comitato Expo Venezia, queste povere frasi.
    Il Presidente Delegato COMITATO EXPO VENEZIA On. Laura Fincato”
    http://www.expo.venezia.it/it/comunicati/48-comunicati-stampa-cina/311-note-di-chiarimento