I Beautiful Rebels di Ryan McGinley raccontano l’eco-fashion di Bono. Splendidi corpi e sciami di farfalle, per illustrare l’esprit Edun

Nemmeno 35 anni e un curriculum da fare invidia a un artista navigato. Ryan McGinley, americano del New Jersey, nel 2003 esponeva già in una collettiva al Whitney Museum e diventava Photographer of the Year per American Photo Magazine. E di anni, allora, ne aveva appena 25. Nel 2004 arriva una personale nientemeno che al […]

Nemmeno 35 anni e un curriculum da fare invidia a un artista navigato. Ryan McGinley, americano del New Jersey, nel 2003 esponeva già in una collettiva al Whitney Museum e diventava Photographer of the Year per American Photo Magazine. E di anni, allora, ne aveva appena 25. Nel 2004 arriva una personale nientemeno che al P.S.1, mentre nel 2007 l’International Center of Photography lo eleggeva Young Photographer Infinity Award. E via così, con una sequela di successi inanellati alla velocità della luce, tra mostre in musei e gallerie, pubblicazioni su riviste di tendenza e varie consacrazioni dall’art world che conta.
McGinley, sensibile al mondo del fashion, presenta in questi giorni il suo video promozionale realizzato per la campagna Spring 2012 di Edun, linea d’abbigliamento equo-eco-solidale lanciata nel 2006 dal leader degli U2 Bono, insieme alla moglie Ali Hewson e al designer Rogan Gregory. Al centro dell’incantevole art-spot, dal titolo Beautiful Rebels, c’è uno sciame di farfalle, per l’esattezza sei specie africane che svolazzano indisturbate tra gli splendidi corpi dei giovani attori. Una danza armonica ricama imprevedibili traiettorie nell’aria, decorando con grazia la pelle, i tessuti, i volti, le dita, le chiome.

Rallentato, quasi onirico, il movimento dei “ribelli” si accorda con il battere d’ali delle piccole creature variopinte, che sbucano a ripetizione dagli abiti, persino dalle labbra dischiuse. In un mix di sensualità e spiritualità, Il gospel di Majestic Arrows, If I Had A Little Love, fa da commento sonoro alle immagini, sospese tra accenti lirici e vocazione estetizzante.
Ma il lanciatissimo McGiney non è nuovo a questo tipo di progetti. Già nel 2010 aveva partorito un corto di 7 minuti per la storica griffe Pringle of Scotland, specializzata in maglieria deluxe: protagonista l’incantevole Tilda Swinton, immersa tra campi di grano, scampoli di Mare del Nord, rovine di vecchi castelli e verdeggianti praterie scozzesi.
Una formula decisamente azzeccata, quella dello short film d’artista che illustra lo spirito di un marchio. Soprattutto se a metterci estro e poesia è l’occhio di un ex enfant prodige come Ryan McGinley. Chapeau.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.