Art Hong Kong dà i numeri e lancia un curatore per i progetti speciali: ecco tutti i dati della prossima edizione. La prima “svizzera”…

Inutile ripeterlo: il mercato asiatico si sta imponendo all’attenzione internazionale come il più fertile del momento. E la fiera Art HK, alla sua quinta edizione dal 17 al 24 maggio prossimi, non è da meno, stando ai numeri che presenta per l’importante step che – come noto da tempo – segna un’importante svolta. Il nuovo […]

Inutile ripeterlo: il mercato asiatico si sta imponendo all’attenzione internazionale come il più fertile del momento. E la fiera Art HK, alla sua quinta edizione dal 17 al 24 maggio prossimi, non è da meno, stando ai numeri che presenta per l’importante step che – come noto da tempo – segna un’importante svolta. Il nuovo azionista di maggioranza della società promotrice Asian Art Fairs Limited è infatti MCH group, già titolare di Art Basel e Art Basel Miami. Mainsponsor si conferma Deutsche Bank.
Oltre duecentocinquanta le gallerie che già scaldano i motori, una cinquantina delle quali presenteranno unicamente artisti asiatici, in un progetto espositivo che li integra perfettamente con quelli occidentali. 35 gli espositori che faranno parte della sezione Art Futures, che – ca va sans dire – supporta gli emergenti. 37 sono i paesi rappresentati dagli espositori della fiera, di cui il 53% proviene dal continente asiatico e il 47% dell’occidente. Gli italiani? Massimo De Carlo, Galleria d’Arte Maggiore di Bologna, Lorcan O’ Neil, Lia Rumma, Brancolini Grimaldi e Francesca Minini. E per non farsi mancare nulla la fiera sceglie Yuko Hasegawa come curatrice di Art HK Projects, alla sua seconda edizione, che offrirà l’opportunità di vedere grandi sculture e istallazioni di artisti provenienti da tutto il mondo, come la migliore tradizione delle fiere d’arte, da Frieze ad Art Miami, insegna.

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.