Affordable Art Fair Updates: vernice innevata, vernice fortunata. Un po’ di foto-buzz dalla preview milanese al Superstudio Più

Lo scenario meteorologico non è cambiato nel corso della serata: a Milano la neve ha continuato a cadere incessante e di spalaneve manco l’ombra. Sarebbe dunque stato normale avere qualche timore per la partecipazione alla vernice di AAF – Affordable Art Fair, alla seconda edizione meneghina. E invece i milanesi si son dimostrati più coraggiosi […]

Lo scenario meteorologico non è cambiato nel corso della serata: a Milano la neve ha continuato a cadere incessante e di spalaneve manco l’ombra. Sarebbe dunque stato normale avere qualche timore per la partecipazione alla vernice di AAF – Affordable Art Fair, alla seconda edizione meneghina. E invece i milanesi si son dimostrati più coraggiosi del previsto, e i corridoi erano ben colmi di visitatori.
La prima impressione è quella di una fiera in crescita, che aumenta il numero di stand di buon livello (qualche nome: D406, Miomao, Fumagalli), e il medesimo discorso si può fare dunque sulle opere. Durante la serata inaugurale la Wrapping Station (l’imballaggio gratuito e istantaneo delle opere acquistate) non ha lavorato moltissimo, ma è pur vero che – anche se le cifre sono “modeste” – un secondo passaggio, magari con più calma, i compratori lo faranno e lo potranno fare nei prossimi giorni. Intanto l’atmosfera era assai distesa, fra musica, burlesque (eh sì!), spazio bambini, cucina Lago…

– Marco Enrico Giacomelli

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014). In qualità di traduttore, ha curato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.