Affordable Art Fair Updates: la gallerista e l’artista si fanno cuciniere. E alla fiera si mangia il risotto futurista

Risotto sfumato con aceto, vino bianco e Marsala. E decorato con filetti d’arancia. Marinetti e l’amico Fillìa avrebbero molto apprezzato, ed hanno gradito anche i numerosi presenti ad AAF. Direttamente dalle ricette della Cucina Futurista la gallerista Paola De Riva (Art for interior gallery) e l’artista Valentina Chiappini si sono cimentate nella preparazione del piatto […]

Risotto sfumato con aceto, vino bianco e Marsala. E decorato con filetti d’arancia. Marinetti e l’amico Fillìa avrebbero molto apprezzato, ed hanno gradito anche i numerosi presenti ad AAF. Direttamente dalle ricette della Cucina Futurista la gallerista Paola De Riva (Art for interior gallery) e l’artista Valentina Chiappini si sono cimentate nella preparazione del piatto Rombi d’ascesa … Zang! Una delle ricette contenute nel celebre Manifesto della cucina Futurista del 1930, quello che Filippo Tommaso Marinetti definì “una rivoluzione cucinaria”.
Non è un caso che – oggi più che mai – quella “cucina” all’epoca impopolare, soprattutto per la “lotta all’alimento amidaceo (la pastasciutta nazionalpopolare)” – viene definita, da chef blasonati, come una pietra miliare della nouvelle cousine. Precursore della cucina molecolare. Viste le sorprese art and food non c’è da stupirsi se la Milano da bere che ama l’arte all’ora dell’aperitivo sta scegliendo di fare un salto al Superstudio Più…

– Caterina Misuraca

CONDIVIDI
Caterina Misuraca
Caterina Misuraca nata a Lamezia Terme nel 1976. Vive e lavora a Milano. Laurea all’Università di Bologna in Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo. Giornalista di cronaca, politica, costume e società. Curatrice mostre d’arte sociale (tra queste: OggettInstabili - Moti Urbani StazionImpossibili). Contitolare Agenzia di Comunicazione Misuraca&Sammarro. Organizza eventi di critical fashion ed ecodesign (tra questi: Natura Donna Impresa Verso Expò 2015 - IOricicloTUricicli). Dal 2008 collaboratrice di Exibart, da marzo 2011 passa ad Artribune.