Un anno dedicato a John Cage. In occasione del centenario della nascita, a Rimini si celebra ogni giorno. Con un progetto disseminato e virale

“Un progetto paradossale, tanto piccolo quanto enorme: un anno di Cage a Rimini. Quotidianamente. Tanto per non smentire la vocazione fellinista, iperbolica e visionaria di questa città.” Introducono così Andrea Felli, Roberto Paci Dalò e Leonardo Sonnoli il progetto Everydayjohncage, un omaggio al grande compositore americano in forma di ricordo quotidiano e virale. Una serie […]

Un progetto paradossale, tanto piccolo quanto enorme: un anno di Cage a Rimini. Quotidianamente. Tanto per non smentire la vocazione fellinista, iperbolica e visionaria di questa città.” Introducono così Andrea Felli, Roberto Paci Dalò e Leonardo Sonnoli il progetto Everydayjohncage, un omaggio al grande compositore americano in forma di ricordo quotidiano e virale. Una serie di iniziative volte disseminare per gli spazi pubblici e privati della città materiali e frammenti legati alla sua vita, al suo pensiero e alla sua opera.
Per cominciare, un quotidiano, il Corriere Romagna, pubblicherà ogni giorno una frase di Cage, mentre l’emittente Radio Icaro trasmetterà degli spot audio. Ma non mancheranno gli interventi nello spazio urbano, come una stanza nel centro storico aperta giorno e notte dove ascoltare e vedere materiali e le fotografie di Roberto Masotti stampate 1:1 e posizionate in varie location. Segnali grafici e acustici verranno distribuiti anche sul sistema di trasporto pubblico della città, mentre per il prossimo 17 gennaio è prevista una performance live dei tre curatori del progetto presso FAR Fabbrica Arte Rimini (John Cage Remix, dalle ore 21).

– Valentina Tanni

everydayjohncage.tumblr.com

 

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.