Tornata di nomine. Novità ai piani alti per Museion di Bolzano (nuovo comitato), Fondazione Torino Musei (nominato Braccialarghe) e Museo MAGA di Gallarate (Flavio Caroli nuovo direttore)

Sotto questo punto di vista, il 2012 era iniziato con i migliori auspici: con importanti nomine alla Biennale di Venezia – i direttori delle sezioni Architettura e Cinema – decise addirittura sfruttando le festività natalizie, stante l’urgenza. Che, almeno in questo, qualcosa stia cambiando in Italia? Che si stia finalmente capendo che accorciare i tempi necessari […]

Charles Esche

Sotto questo punto di vista, il 2012 era iniziato con i migliori auspici: con importanti nomine alla Biennale di Venezia – i direttori delle sezioni Architettura e Cinema – decise addirittura sfruttando le festività natalizie, stante l’urgenza. Che, almeno in questo, qualcosa stia cambiando in Italia? Che si stia finalmente capendo che accorciare i tempi necessari a ricoprire un incarico serve sia a limitare tempi morti di interregno, sia ad evitare sfibranti ed inconcludenti trattative?
A conferma di questo, sembrerebbero giungere una nuova serie di nomine che in questi giorni si sono succedute a raffica. La più fresca – almeno come comunicazione – è quella del nuovo comitato artistico di Museion di Bolzano, che va a rimpiazzare il precedente gruppo formato da Carlos Basualdo, Massimiliano Gioni, Ulrike Groos, Jean-Baptiste Joly e Udo Kittelmann. La Fondazione Museion ha chiamato a sostituirli Gabriella Belli, fresca direttrice della Fondazione Musei civici di Venezia, Charles Esche, direttore dell’olandese van Abbemuseum di Eindhoven, Adrienne Goehler, curatrice e pubblicista, già presidente della Hochschule für bildende Künste di Amburgo, Kasper König, direttore del Museum Ludwig di Colonia e Heike Munder, direttrice del Migros museum für gegenwartkunst di Zurigo.
Altra novità arriva da Torino, dove l’Assessore alla Cultura della Città di Torino Maurizio Braccialarghe è stato nominato all’unanimità – su proposta del Sindaco Piero Fassino – presidente della Fondazione Torino Musei, quale successore di Giovanna Cattaneo Incisa, scomparsa il 18 dicembre scorso. Com’è noto, la Fondazione è al centro di un grande progetto di allargamento delle proprie competenze e di ridefinizione dei propri ruoli, ed in attesa di sviluppi futuri Braccialarghe è chiamato a gestire il non facile momento di passaggio.
Dopo Alto Adige e Piemonte, la Lombardia. Anche qui giri di poltrone, con uno storico dell’arte come Flavio Caroli che spodesta il dimissionario Angelo Crespi nel ruolo di presidente della Fondazione Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea Silvio Zanella, l’ente che gestisce il MAGA – Museo Arte Gallarate.