Piazza Cavour a Roma. Il parking delle polemiche. E delle opere d’arte. Foto in anteprima sul lavoro sotterraneo di H. H. Lim

Doveva aprire prima della fine del 2011, e Gianni Alemanno, sindaco di Roma, ci aveva talmente messo la faccia da far montare un countdown digitale dall’impattante colore rosso che segnava le ore a ritroso. Il 31 dicembre, però, il parcheggio interrato di Piazza Cavour era ancora lungi dal poter essere inaugurato, il conto alla rovescia […]

Lim al lavoro

Doveva aprire prima della fine del 2011, e Gianni Alemanno, sindaco di Roma, ci aveva talmente messo la faccia da far montare un countdown digitale dall’impattante colore rosso che segnava le ore a ritroso. Il 31 dicembre, però, il parcheggio interrato di Piazza Cavour era ancora lungi dal poter essere inaugurato, il conto alla rovescia venne spento tra le polemiche che continuarono poi sulle scelte di mobilità per l’area di superficie. E così, riguardo al nuovo autosilo posizionato proprio sotto la statua del grande statista piemontese e di fronte al famoso Palazzo di Giustizia (a Roma, necessariamente il Palazzaccio) progettato dal Calderini, ci si è concentrati più sulle polemiche che sui contenuti. Contenuti che non saranno solo auto e moto in sosta (finalmente non selvaggia), ma anche opere d’arte.
Ovviamente non siamo ai livelli di Contemporanea, mostra che Achille Bonito Oliva organizzò in un altro importante parcheggio sotterraneo della capitale e che fece epoca negli Anni Settanta. Tuttavia anche il parcheggio di Piazza Cavour, in occasione dell’inaugurazione – questa volta auguriamoci confermata – del prossimo 24 gennaio, si presenterà con un’opera d’arte all’occhiello. Il progetto, di grandi dimensioni e qui fotografato in anteprima per Artribune, ha come protagonista le auto, le parole. Ed ha come autore H. H. Lim, artista cinese di stanza a Roma e lanciatissimo dopo la bella mostra personale alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Mario

    Ma come mai l’opera non è scritta in italiano? E ancora: la trovo opera di artigianato.