Lo Strillone: Antonello da Messina e la modella per l’Annunciata su Avvenire. E poi la cupola del Duomo di Firenze, Pasolini illustratore, Jack London fotografo…

Avanti donne, alla riscossa! Su Il Riformista la mostra romana con foto documenti sul peso del sesso non più debole nella storia della CGIL. Sindacalisti in pagina anche su Quotidiano Nazionale: quelli della UIL Beni Culturali – ed anche il Codacons, come già scritto nella news precedente – ritirano gli esposti contro l’accordo tra Tod’s […]

Quotidiani
Quotidiani

Avanti donne, alla riscossa! Su Il Riformista la mostra romana con foto documenti sul peso del sesso non più debole nella storia della CGIL. Sindacalisti in pagina anche su Quotidiano Nazionale: quelli della UIL Beni Culturali – ed anche il Codacons, come già scritto nella news precedente – ritirano gli esposti contro l’accordo tra Tod’s e il Comune di Roma per il restauro del Colosseo.

Chi è la modella per l’Annunciata di Antonello da Messina? La sua vicina di casa, naturalmente! Ma poiché non si tratta del Caravaggio, e la notizia arriva da Avvenire, non pensate a chissà quale flirt rinascimentale: trattasi di monaca in odore di santità, in convento a un tiro di schioppo dall’atelier del maestro.

Sono durati sessant’anni, ora c’è da discutere dei risultati. Oggi su L’Unità, domani e venerdì in convegno a Firenze, i dati sui sondaggi stratigrafici alla cupola del Duomo. Pasolini illustratore su Il manifesto: il suo carnet di disegni è in mostra nella natia Casarsa. Jack London fotografo per Il Giornale: gli scatti del romanziere finiscono in un volume.

La Repubblica a Londra per una breve che presenta le opere di Hockney nate su iPad, in mostra da domani. Il Padiglione Italiano è brutto e vecchio: il Museo di Auschwitz, nei giorni del ricordo, lo chiude per non fare brutta figura, ma incappa nelle reprimende del Corriere della Sera. Unica testata che dedica qualcosa di più di una breve alla presentazione della Biennale di Architettura firmata Chipperfield.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.