È l’evento internazionale più simile al Salone del Mobile, l’Italia la fa da padrona, ma sta in Germania. È questa la settimana di Imm Cologne

È considerato l’evento internazionale più simile ad un Salone del Mobile dell’Europa centrale, e – in barba alla crisi – quest’anno registra un +18% di iscrizioni rispetto all’edizione del 2011. Parliamo dell’Imm Cologne, evento invernale dedicato all’Interior design in scena in Germania fino al 22 gennaio. Un dato importante: a detta di Gerald Böse e […]

È considerato l’evento internazionale più simile ad un Salone del Mobile dell’Europa centrale, e – in barba alla crisi – quest’anno registra un +18% di iscrizioni rispetto all’edizione del 2011. Parliamo dell’Imm Cologne, evento invernale dedicato all’Interior design in scena in Germania fino al 22 gennaio. Un dato importante: a detta di Gerald Böse e di Frank Haubold, direttore della manifestazione, l’Italia con i suoi marchi d’eccellenza la fa da padrone, presentando una gran quantità di offerte nel settore dell’arredamento. Alcuni esempi, fra i partecipanti: Flexform, Minotti, Cassina, Poltrona Frau, MDF, Classicon, Walter Knoll, Cor, Interlübcke, Ligne Roset, B&B Italia, Poliform, Driade, Kristalia, Casamania, Porro, Living Divani, Desalto.
La novità principale di quest’anno – organizzata in cooperazione con Gruner + Jahr Events – è rappresentata dalla fiera-nella-fiera LivingInteriors che, dopo lo straordinario successo di LivingKitchen durante imm Cologne 2011, offre una nuova piattaforma a espositori di settori complementari come quello dell’arredo bagno, dei pavimenti, delle pareti e dell’illuminazione, dando ai  visitatori la possibilità di  farsi un’idea completa delle tendenze e delle nuove idee in circolazione.
A proposito di questo, va segnalata la zona satellite della Manifestazione, rappresentata da D3, il contest dedicato ai nuovi e giovani designers che, da tutto il mondo, affollano i padiglioni con i loro originalissimi progetti. Dei 628 pervenuti al concorso la giuria ne ha menzionati ben 28, evidentemente degni di maggiore attenzione da parte degli investitori, sempre in cerca di spunti per il mercato del futuro.

– Giulia Mura

CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.