Cortina incontra l’arte. Al Museo Rimoldi si parla di mecenatismo, con i case studies di Eni e Dolomiti contemporanee

Ci sono due momenti dell’anno in cui Cortina d’Ampezzo rivendica il suo ruolo di regina della villeggiatura italica: agosto, ed il periodo intorno a Natale. Da qualche anno però tale ruolo non va ascritto soltanto alle indubitabili bellezze paesaggistiche, o alle insuperate strutture sciistiche, e neanche al notorio côté mondano. Da qualche anno la località […]

Gianluca d’Incà Levis, di Dolomiti contemporanee

Ci sono due momenti dell’anno in cui Cortina d’Ampezzo rivendica il suo ruolo di regina della villeggiatura italica: agosto, ed il periodo intorno a Natale. Da qualche anno però tale ruolo non va ascritto soltanto alle indubitabili bellezze paesaggistiche, o alle insuperate strutture sciistiche, e neanche al notorio côté mondano.
Da qualche anno la località primeggia anche come spazio di dibattito e di promozione culturale, grazie sicuramente alla crescita di un evento pioniere come Cortina InConTra, ideato da Enrico Cisnetto. Che recentemente è stato affiancato da altre iniziative, come il ciclo di conversazioni artistiche Arte d’Inverno, ideato da Rossella Meucci Reale e promosso dalla Libreria Sovilla e dal Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi.
Nell’ambito del ciclo la sede del Museo Rimoldi ospita ora l’incontro sul tema Arte come strumento di comunicazione, con una conversazione – titolo Eni-Dolomiti contemporanee: due diverse forme di mecenatismo – che vedrà svilupparsi un dibattito tra Gianluca D’Inca Levis, ideatore e curatore del progetto Dolomiti Contemporanee, e Mattia Voltaggio, curatore sezione arte ENI, introdotti da Alessandra de Bigontina, direttrice del Museo Rimoldi.

Mercoledì 4 gennaio 2012 – ore 17.30
Corso Italia, 69 – Cortina d’Ampezzo
www.dolomiticontemporanee.net