Bologna Updates: ritratto su valigia, al Museo Ebraico la memoria della Shoah secondo Rudy Cremonini. Ecco la fotogallery di Artribune

Vecchie valigie di cartone, su cui sono dipinti ritratti “sfuggenti, smarriti, quasi consumati dalla stessa pittura che li elabora”. È questa, suggestiva e quasi angosciante, l’evocazione della Giornata della Memoria secondo l’artista bolognese Rudy Cremonini, che presenta la sua installazione – titolo La vita la vediamo a memoria – nella sede del Museo Ebraico di […]

Vecchie valigie di cartone, su cui sono dipinti ritratti “sfuggenti, smarriti, quasi consumati dalla stessa pittura che li elabora”. È questa, suggestiva e quasi angosciante, l’evocazione della Giornata della Memoria secondo l’artista bolognese Rudy Cremonini, che presenta la sua installazione – titolo La vita la vediamo a memoria – nella sede del Museo Ebraico di Bologna.
Sono sguardi senza individualità, senza riconoscibilità: larve d’essere, che traducono l’irruzione dell’inaudito nella loro vita”: parole del curatore Luigi Meneghelli, che così legge le opere, che per certi versi sembrano trasposizioni pittoriche della ricerca fotografica di Christian Boltanski, ammassate nella volutamente angusta sala che il museo dedica alla memoria della Shoah, con i nomi dei deportati stampato sul pavimento. L’art week bolognese può essere un’ottima occasione per vedere de visu, ma comunque l’installazione resta aperta fino a fine febbraio: intanto, c’è la fotogallery di Artribune…

Fino al 26 febbraio 2012
Via Valdonica 1/5 – Bologna
www.museoebraicobo.it