Bologna Updates: pomeriggio da fiera, dopo un venerdì calmo, sabato c’è il pienone. E allo stand Continua Diego Della Valle cerca di dimenticare il Colosseo…

Dopo la giornata di ieri, si iniziava a pensare al peggio per questa Arte Fiera riveduta e corretta. Ma durante la giornata di sabato i corridoi si sono veramente riempiti. E con visitatori di gran qualità. Insomma, sta volgendo tutto al bello nonostante l’anno orribile 2012. È questo il pensiero che riassume i pareri ascoltati […]

Diego Della Valle allo stand Continua

Dopo la giornata di ieri, si iniziava a pensare al peggio per questa Arte Fiera riveduta e corretta. Ma durante la giornata di sabato i corridoi si sono veramente riempiti. E con visitatori di gran qualità. Insomma, sta volgendo tutto al bello nonostante l’anno orribile 2012. È questo il pensiero che riassume i pareri ascoltati dai galleristi, difficili da raggiungere negli stand presi d’assalto.
Fra i tanti vip, visto Roberto d’Agostino (a Bologna ormai da giovedì) nel consueto look metal-policromo. E in placida conversazione con i galleristi, un Diego Dalla Valle evidentemente in pausa dalle infinite diatribe sorte attorno al restauro del Colosseo e alla sua sponsorizzazione. “No, adesso lasciamoli lavorare…”, ha infatti risposto al nostro velleitario tentativo di estorcergli qualche commento…

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • marco

    alla ricerca di ikea evoluta con lenti gialle e qualcosa di “evoluto” che si vede là in fondo….”mmmm perfetto per il nostro salotto…..”

  • Stefano

    Se Roberto D’Agostino è un Vip allora Artefiera ė alla fine.

  • Effettivamente Venerdì 27 c’era poca gente, ma si riusciva a vedere tutto con calma, almeno. Piccolo resoconto:

    -Soliti studenti delle Accademie, che si trovano a metà dal desiderio di entrare nel “mondo dell’Arte” e contestare perchè “non sono capiti”.

    -Soliti abiti su misura dei Galleristi, che più soldi guadagnano, e più si lamentano.

    -Opere d’Arte, il collage sta riprendendo piede, e guarda caso, si vedono i lavori degli artisti che erano già stati recensiti dai giornali nei mesi precedenti.

    Insomma, il vero futuro di tutto, sta nella ripetizione, poche storie!

    PER FAVORE RISPETTATE LA MIA OPINIONE, SI PREGA DI NON AGGREDIRMI.