Vacanze di Natale? Ma non se ne parla, passato il ciclone Liz Taylor Christie’s New York ha subito pronte due pimpanti aste di fotografia

Non ci pensa proprio a lasciar andare i collezionisti in vacanza, Christie’s di New York. E per il 19 dicembre mette in programma ben due aste di fotografia, Crossing America: Photographs from The Consolidated Freightways Collection, Part II e Various Owners sale. Quest’ultima presenta in catalogo 145 lotti, con un’ampia selezione di fotografia di moda, […]

Henri Cartier-Bresson - Untitled, c. 1959

Non ci pensa proprio a lasciar andare i collezionisti in vacanza, Christie’s di New York. E per il 19 dicembre mette in programma ben due aste di fotografia, Crossing America: Photographs from The Consolidated Freightways Collection, Part II e Various Owners sale.
Quest’ultima presenta in catalogo 145 lotti, con un’ampia selezione di fotografia di moda, rari esemplari di Miroslav Tichý, un importante gruppo di Polaroid di Ansel Adams, fino alla fotografia contemporanea, con stime che vanno dai mille ai 30mila dollari, per un totale atteso di $525mila. Tra gli highlights Arthur Rothstein, Dust Storm, Cimarron County, Oklahoma, 1939 (($5-7mila); Miroslav Tichý, Untitled, 1950s-1980s ($5-7mila); Ansel Adams Forest at Patrick’s Point State Park, California, 1959 ($3-5mila); Helmut Newton Fashion Study, Model in Trouser Suit, 1970s ($5-7mila).
L’altra vendita invece è stimata $300mila, e presenta il secondo gruppo di opere della collezione aziendale del colosso americano dei trasporti Freightways, la cui prima parte aveva totalizzato $1.8m lo scorso aprile. La collezione raccoglie paesaggi americani come se fossero visti dalla cabina di un camion, dagli anni ‘20 agli anni ‘90, con un totale di 150 lotti con prezzi tra i $700 e i 9mila per le opere di autori americani come Bruce Davidson, Wright Morris, Diane Arbus, Don Worth, John Collier e Leo Goldstein.
Tra gli highlights Henri Cartier-Bresson, Untitled, c. 1959 ($2.500-3.500); Roger Minick, Untitled, 1968, e Sacramento, San Joaquin River Delta, 1967 ($2-3mila); Carrie Mae Weems, Untitled from the series ‘Sea Island’, 1992 ($2.500-3.500).

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.
  • giuseppe

    Bellissime le foto di Miroslav Tichý, un innamorato sognatore ed estimatore della donna.
    Questo x dimostrare che è sufficiente ma non necessario avere una reflex da 10.000 euro x fare delle foto che dicano qualcosa.
    Dipende sempre da quello che c’ è dietro l’ obiettivo.