Spagnulo a Milano. Si parla di scultura martedì sera, al Museo Pecci. E si guarda il video su Nagasawa, al mattino, su Artribune Television

I Martedì Critici a Milano, l’avventura prosegue. Siamo alla puntata numero due per il ciclo di talk romani in salsa meneghina, sempre capitanati da Alberto Dambruoso e Marco Tonelli, stavolta “padroni di casa” al Museo Pecci. Sono loro, come di consueto, a presentare la guest star della serata, nello specifico l’artista Giuseppe Spagnulo, scultore di […]

Giuseppe Spagnulo

I Martedì Critici a Milano, l’avventura prosegue. Siamo alla puntata numero due per il ciclo di talk romani in salsa meneghina, sempre capitanati da Alberto Dambruoso e Marco Tonelli, stavolta “padroni di casa” al Museo Pecci. Sono loro, come di consueto, a presentare la guest star della serata, nello specifico l’artista Giuseppe Spagnulo, scultore di matrice informale che negli anni ha spinto la sua ricerca verso una vera e propria epica della forma. Tra atmosfere industriali e suggestioni mitologiche, si disegna il lessico creativo di Spagnulo: putrelle, barre e lastre di ferro rivivono tra le sue abili mani, divenendo testimonianze fisiche e insieme simboliche di forze primigenie, le stesse che muovevano le antiche gesta eroiche e che abitavano i luoghi del mito.
Ugualmente puntuale, ma in questo caso affidato all’occhio filmico del collettivo ZEP, è il videoreport sull’incontro precedente, quello con Hidetoshi Nagasawa: arriva domattina, su Artribune Television, nell’attesa di godersi la chiacchierata serale con Spagnulo. Non sarete a Milano? Poco male. La prossima settimana arriva pure questo, sui nostri schermi digitali…

– Helga Marsala


Martedì 6 dicembre 2011, ore 19.30
a cura di Alberto Dambruoso e Marco Tonelli
Museo Pecci – Ripa di Porta Ticinese 113, Milano
www.centropecci.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.