Sorella acqua. Ancora una minerale in campo con l’arte contemporanea, Valverde presenta il reservation book con dodici capolavori rivisitati

È il momento dell’acqua, anche nell’arte. Sarà un riflesso del clima di austerity che le manovre di Monti pare ci imporranno come ineludibile, e quindi di un ritorno alla semplicità, alla purezza primigenia? Più probabilmente si tratta di strategie commerciali. Se ad Artissima a Torino avevamo visto il progetto dell’acqua minerale Lauretana con Cittadellarte e […]

È il momento dell’acqua, anche nell’arte. Sarà un riflesso del clima di austerity che le manovre di Monti pare ci imporranno come ineludibile, e quindi di un ritorno alla semplicità, alla purezza primigenia? Più probabilmente si tratta di strategie commerciali. Se ad Artissima a Torino avevamo visto il progetto dell’acqua minerale Lauretana con Cittadellarte e Pistoletto, ora è la volta dell’acqua Valverde di lanciare un’iniziativa legata all’arte contemporanea.
Una sorta di calendario con un omaggio a dodici grandi artisti che, mese dopo mese, svela un’inedita rivisitazione, “in stile Valverde”, di importanti capolavori. Da Roy Lichtenstein ad Alexander Calder, da Keith Haring ad Alighiero Boetti: questi alcuni dei protagonisti di Valverde Contemporary Art, reservation book che sarà distribuito fra i ristoratori italiani legati da rapporti con l’azienda. Valverde non è nuova a legami con il mondo delle arti, dal design al cinema, dalla letteratura all’arte figurativa: tanto che la bottiglia storica è stata progettata da Matteo Thun.

www.valverdewater.com


CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.