Opere da concimare, e poi da irrigare. Dopo lo zafferano di Vitone, alla Fattoria Montellori di Fucecchio arriva la scultura di ciclamini di Stefano Arienti. Ecco le foto

“Trovo affascinante il concetto di base delle opere realizzate alla Fattoria Montellori, l’attendere un intero anno l’apparizione di un’opera e poi il suo sparire per ripresentarsi, se cosi vorrà la natura, l’anno successivo”. È in queste parole, l’unicum delle installazioni commissionate dall’azienda agraria toscana: nell’essere realizzate con delle piante, e quindi – come nota Stefano […]

Stefano Arienti alla Fattoria Montellori (foto Serge Domingie)

Trovo affascinante il concetto di base delle opere realizzate alla Fattoria Montellori, l’attendere un intero anno l’apparizione di un’opera e poi il suo sparire per ripresentarsi, se cosi vorrà la natura, l’anno successivo”. È in queste parole, l’unicum delle installazioni commissionate dall’azienda agraria toscana: nell’essere realizzate con delle piante, e quindi – come nota Stefano Arienti – nel seguire le sorti della stagionalità, nel manifestarsi.
Dopo Luca Vitone, che lo scorso anno lavorò con 570 bulbi di zafferano, è infatti l’artista mantovano a presentare nel 2011 la sua visione artistico-bucolica: e lo fa grazie a più di 800 ciclamini, che  riportano sul suolo la forma di una mano tesa. Dopo giornali, fumetti, elenchi telefonici, nelle campagne di Fucecchio i suoi medium diventano la terra ed i fiori: nella gallery di Artribune i risultati…

www.fattoriamontellori.it


CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Maurizia Lugli

    Splendida opera. Splendido Artista!

  • Berga

    Mitico Stefano

  • anna

    l’idea è bellissima, questo disegno di braccio-mano, banale. Però l’idea è bellissima !!!!

  • Ovunque ci sia attenzione all’arte la qualità dela vita migliora. È uno dei MUST di ARTOUR-O! Complimenti a chi ha avuto l’idea e agli artisti che l’hanno fatta propria.