Non sappiamo se ci pagheranno su l’Ici o meno, ma potrebbero esserci alcune novità sul Padiglione Vaticano per la Biennale di Venezia del 2013. 500 mq nelle Sale d’Armi per lo Stato Pontificio?

Paolo Baratta è tornato a pieno titolo al timone della Fondazione La Biennale di Venezia e l’Auditel presieduto da Giulio Malgara è stato opportunamente multato per abuso di posizione dominante, insomma le cose si sono incasellate come si deve a quanto pare. Può così andare avanti il grande progetto di recupero degli spazi dell’Arsenale della […]

Vaticano accasato alla Biennale di Venezia?

Paolo Baratta è tornato a pieno titolo al timone della Fondazione La Biennale di Venezia e l’Auditel presieduto da Giulio Malgara è stato opportunamente multato per abuso di posizione dominante, insomma le cose si sono incasellate come si deve a quanto pare. Può così andare avanti il grande progetto di recupero degli spazi dell’Arsenale della Serenissima, che solo in parte sono oggi occupati dalle attività della Biennale sia per quanto riguarda i servizi, il ristoro e gli ambienti dedicati alla mostra internazionale, sia invece per quello che concerne alcuni padiglioni nazionali. Ed è proprio in questo contesto che trapelano delle novità piuttosto eclatanti a margine della defenestrazione e poi del clamoroso recupero del presidente.
Già durante la scorsa edizione della Biennale si era parlato di uno spazio, molto strategico perché collocato giusto a ridosso delle corderie: le Sale d’Armi. In questo spazio, è il motivo per cui se ne parlò, ha trovato posto ufficialmente il Padiglione dell’Argentina che finalmente dunque sarà fisso e stabile. La Fondazione Biennale si spossessa di 500 mq per un tot di anni, e il paese acquirente ha l’onere del restauro. Ma nelle Sale d’Armi i “lotti” da 500 mq non si esauriscono con gli ambienti opzionati dall’Argentina. Gli spazi adiacenti sarebbero stati prenotati da un altro paese sempre molto vivace quando si tratta di Biennale, il Cile, e da uno staterello non più grande di un chilometro quadrato che, come l’Italia, ha capitale Roma. Domanda cattiva: la tariffa per l’acquisto sarà la stessa di Cile e Argentina, oppure verrà chiesta un’esenzione a mo’ di Ici?

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • A titolo di puntualizzazione vi informo che lo Stato Città del Vaticano è riconosciuto a tutti gli effetti dalle leggi internazionali e pertanto non deve pagare l’ICI allo Stato italiano su quanto gli appartiene.
    Lo Stato Città del Vaticano non ha capitale. Roma è solo capitale d’Italia e di nessun’altro stato.
    Non è vero che ci sarà il Padiglione Vaticano alla Biennale del 2013, vero è invece che “dovrebbe” esserci quello della Santa Sede… Se non sapete distinguere tra Città del Vaticano e Santa Sede, sarà opportuno che vi informiate in merito. Conoscere la differenza sarà illuminante anche per capire quanto la polemica sull’ICI sia destituita di fondamento.
    Il “tot di anni” sono esattamente 22 e non è quindi un “acquisto”, come avete scritto…
    Quanto alla domanda cattiva, penso che Baratta sia stato fino ad oggi un buon presidente-amministratore, o sbaglio?
    Avete notato invece che la foto aerea del Vaticano è stata pubblicata al contrario?

  • Fryk

    Anche se non ufficialmente Roma e’ sovente considerata capitale di tre enti statali: Italia Vaticano e Sovrano ordine di Malta.

  • … e solo tanto per finire le precisazioni lo “Stato Pontificio” ha cessato di esistere nel 1870 mentre lo Stato della Citta’ del Vaticano nacque l’11 febbraio 1929.
    Per essere proprio precisi lo Stato della CItta’ del Vaticano ha internazionalmente statuto di “stato patrimoniale” e quindi non ha piena sovranità internazionale, che compete invece, alla Santa Sede: in effetti gli Ambasciatori dei vari Stati sono accreditati presso la Santa Sede e non presso lo Stato della CItta’ del Vaticano. E’ quindi corretto dire che lo Stato della CItta’ del Vaticano non paga l’ICI, in quanto stato sovrano (sia pur limitatamente all’aspetto patrimoniale) straniero internazionalmente riconosciuto mentre non avrebbe senso parlare di un Padiglione della CItta’ del Vaticano, esattamente per la stessa ragione e si deve quindi parlare di Padiglione della Santa Sede (sempre che poi esso venga fatto)