Miami Updates: bloody mary a colazione. Alla galleria Bernice Steimbaum, fra quattro mostre tutte da scoprire…

Per la serie, la colazione la voglio fare anche io. Non solo collezioni e musei aprono le porte ad appuntamenti mattutini (con tanto di bloody mary), ma anche gallerie di arte contemporanea. O meglio, la galleria di Bernice Steimbaum, che apre le porte del suo grande spazio, organizzato su due piani, ogni mattina per un […]

Per la serie, la colazione la voglio fare anche io. Non solo collezioni e musei aprono le porte ad appuntamenti mattutini (con tanto di bloody mary), ma anche gallerie di arte contemporanea. O meglio, la galleria di Bernice Steimbaum, che apre le porte del suo grande spazio, organizzato su due piani, ogni mattina per un cocktail con l’artworld. E che nel frattempo propone non una, ma ben quattro mostre.
Si parte dai nuovi lavori di Peter Sarkisian, proiezioni improbabili su superfici minuscole che simulano libri, tazze di the e pagine macchiate di inchiostro, per poi passare ai balletti meccanici di Aurora Molina, che si industria ad animare mostruosi, ma drammatici pupazzetti con un movimento sincopato e terrificante. C’è Holy Linton che ricrea un mondo a sé con grandi installazioni di animali impagliati, del tipo che si trova nelle case americane tradizionali. Se non bastasse, non manca nemmeno una collettiva in libertà degli artisti della galleria…

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.