Memorabilia dei Queen come strenna natalizia? Fino al 23 dicembre si può comprare all’asta del Gruppo 24Ore il libro dirmato da Brian May…

Molti di voi saranno se non proprio fans, quantomeno ammiratori dei mitici Queen, e della loro anima Freddie Mercury. E qualcuno certamente sarà già corso a comprarsi il libro 40 Anni di Queen, lanciato dal Gruppo 24Ore Il 24 novembre scorso, il giorno del ventesimo anniversario della morte dello stesso Mercury. Ma uno solo potrebbe avere la copia […]

Molti di voi saranno se non proprio fans, quantomeno ammiratori dei mitici Queen, e della loro anima Freddie Mercury. E qualcuno certamente sarà già corso a comprarsi il libro 40 Anni di Queen, lanciato dal Gruppo 24Ore Il 24 novembre scorso, il giorno del ventesimo anniversario della morte dello stesso Mercury. Ma uno solo potrebbe avere la copia fatta firmare a Brian May, storico chitarrista del gruppo: chi si aggiudicherà l’asta bandita per devolvere l’intera somma a The Mercury Phoenix Trust.
Il libro raccoglie aneddoti e immagini di quarant’anni di carriera del gruppo inglese, più un cd di interviste inedite. I testi di 40 anni di Queen sono stati scritti dal critico musicale inglese Harry Doherty, che ripercorre passo per passo la storia dei Queen attraverso foto, manifesti, testi autografi, vip pass e copertine provenienti dalla collezione privata della band. Fino al 23 dicembre è possibile fare le proprie offerte tramite l’indirizzo e-mail[email protected]. Tutti i dettagli e il regolamento sono reperibili anche sulla pagina Facebook www.facebook.com/40QueenForever. Se vi manca un’idea per un regalo di Natale speciale…

– Martina Gambillara

www.mercuryphoenixtrust.com

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.