Lo Strillone: Settis, Keynes e il patrimonio artistico su La Repubblica. E poi Hervé Barbaret e il Louvre, bolle speculative del contemporaneo, archeomafie…

Già che passava da Roma se lo sono accaparrato un po’ tutti. Richiamo in prima su L’Unità e ampio spazio su La Stampa ad Hervé Barbaret, amministratore del Louvre che racconta come si gestisce con successo il suo museo. Chiacchierate dove torna d’attualità il rapporto tra pubblico e privato, chiaramente: Salvatore Settis, su La Repubblica, […]

Quotidiani
Quotidiani

Già che passava da Roma se lo sono accaparrato un po’ tutti. Richiamo in prima su L’Unità e ampio spazio su La Stampa ad Hervé Barbaret, amministratore del Louvre che racconta come si gestisce con successo il suo museo. Chiacchierate dove torna d’attualità il rapporto tra pubblico e privato, chiaramente: Salvatore Settis, su La Repubblica, affronta il tema partendo da Keynes; mentre Angelo Aquaro, analizzando il mercato del contemporaneo, paventa nuove bolle speculative.

Su Il Giornale il Macro che diventa Fondazione; un po’ tutti poi raccontano della riconferma di Baratta alla guida della Biennale di Venezia: il direttore finisce pure negli In de Il Fatto Quotidiano.

Su Avvenire si accende l’attenzione sul problema delle archeomafie, con il grido di allarme del Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale dei carabinieri. La prima europea dello street-artist indonesiano Farhan Siki, a Milano, su Quotidiano Nazionale.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.