L’ottavo Re di Roma, ora alla conquista di Venezia. Emmanuele Francesco Maria Emanuele entra nel Cda della Fondazione Biennale

Il suo curriculum, che già richiederebbe spazio come pochi altri – in ambito managerial-culturale – in Italia, si allunga ancora, e con una riga assai prestigiosa. I suoi “titoli” qualificanti sono comunque quello di Presidente dell’attivissima Fondazione Roma, con conseguente gestione dei due musei Del Corso e di Palazzo Sciarra Colonna, e di Presidente dell’Azienda […]

Emmanuele Francesco Maria Emanuele
Emmanuele Francesco Maria Emanuele

Il suo curriculum, che già richiederebbe spazio come pochi altri – in ambito managerial-culturale – in Italia, si allunga ancora, e con una riga assai prestigiosa. I suoi “titoli” qualificanti sono comunque quello di Presidente dell’attivissima Fondazione Roma, con conseguente gestione dei due musei Del Corso e di Palazzo Sciarra Colonna, e di Presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo, che non ha bisogno di altre specifiche. Ora a questi, sul biglietto da visita di Emmanuele Francesco Maria Emanuele, si aggiungerà anche quello di consigliere di amministrazione della Fondazione la Biennale di Venezia.
Nelle more della riconferma di Paolo Baratta alla presidenza, infatti, il ministro per i Beni Culturali Lorenzo Ornaghi – che pare muoversi con passi felpati, che più felpati non si può – ha indicato proprio Emanuele come membro di nomina ministeriale, che con l’altra new entry Francesca Zaccariotto, Presidente della Provincia di Venezia, completa i ranghi del nuovo Cda. “Saluto con grande cordialità il Professor Emmanuele Francesco Maria Emanuele che il Ministro ha cooptato nel consiglio di amministrazione – ha dichiarato il governatore del Veneto Luca Zaia -. Si tratta di un intellettuale di grande valore che di sicuro saprà portare la sua esperienza e il suo bagaglio di relazioni e cultura nel più prestigioso ente culturale del Paese”.

  • dd

    un giovane dinamico

  • aborrendo

    Quest’articolo è a dir poco imbarazzante, come è imbarazzante la figura di Emmanuele Emanuele già noto main supporter e presidente del comitato scientifico della figura di merda fatta col mondo alla biennale di quest’anno, per le cure dell’ Ill.mo Vittorio Sgarbi, “L’arte non è cosa nostra”.
    Sorvoliamo sul fatto che il suddetto prestigioso personaggio (Emanuele), oltre ad essere presidente dell’azienda speciale Palaexpo, sta cercando in tutti i modi di portare ad una sua privatizzazione ed entrare -ovviamente- in trattativa privilegiata per farla diventare di sua proprietà.
    Sorvoliamo anche sull’attivissima Fondazione Roma e la qualità delle proposte che fa.
    Bella gente, Belpaese.

  • sabrina

    sono totalmente d’accordo con aborrendo.

  • Mastino

    l’ufficio stampa degli squali funziona sempre alla perfezione quando si tratta di fare uscite umoristiche. Che poi lo squalo sia anche un intellettuale di grande valore è una battuta davvero esilarante…

  • Marta jones

    D’accordissimo sia con aborrendo che con mastino, e aggiungerei che queste figure di alti intellettuali sono i piu’ palesi rappresentanti di quelle lobby massoniche che governano l’Italia. D’altronde togli da una parte , accontenta dall’altra ….questo per l’attuale governo e’ senza dubbio e’ una pietruzza nel mare di melma in cui deve nuotare.
    E voi di *rtribune quando inizierete a fare un bel servizio pubblico super partes, magari incominciando a denunciare pubblicamente stipendi/bonus/extra /doppi salari di gente di ‘spessore’ come quiesta?! O. troppo rischioso pestare i piedi ai Gran Maestri??!!!

  • hm

    emanuele emanuele addirittura doppio nome savio eletto . un po’ come zaccaria8 . mancano solo geremia isaia e giacobbo per voyaggiare come si deve .

  • hm

    è incredibile la somiglianza di emanuele emanuele con aronne piperno, guardare per credere —> http://www.youtube.com/watch?v=FQ_ewZ7JRmg