I Masbedo? Spaccano. Letteralmente, trapano e martello in pugno, nella performance alla fabbrica del vapore. Nelle foto e nel video-blitz, spunta anche qualche vip

Lo fanno in senso letterale, facendo a pezzi ninnoli di ceramica raccolti chissà dove, tra palle d’albero di natale (già che siamo in tema) ed un bosco di cerbiatti kitsch. Ma lo fanno anche in senso figurato, convincendo un pubblico che per numeri supera le aspettative della vigilia. Insomma, con il loro Poor Boy #3 […]

Francesca Minini con drink

Lo fanno in senso letterale, facendo a pezzi ninnoli di ceramica raccolti chissà dove, tra palle d’albero di natale (già che siamo in tema) ed un bosco di cerbiatti kitsch. Ma lo fanno anche in senso figurato, convincendo un pubblico che per numeri supera le aspettative della vigilia. Insomma, con il loro Poor Boy #3 i Masbedo spaccano.

A finire in pezzi anche una tradizione che li vuole metodici e meticolosi, purissimi e precisi nella confezione di video che i detrattori considerano a volte troppo attenti all’eccellenza formale, freddi, estetizzati. Animata dai suoni live di Lagash, ecco prendere vita una bottega eccezionale, dove il disordine si compone in una ridda di immagini che compongono giochi affascinanti. Distruzione, violenza, caos e rigenerazione nella bellezza. Chissà se si tratta di una svolta decisa nel modo di vedere e lavorare dei Masbedo, o solo di un esperimento ben riuscito…

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • bici

    .. e alura?

  • cretta

    .. ah be, .. ha!

    e alura??

    ?

  • hm

    in questo lavoro la rigenerazione nella bellezza in cosa consiste?

  • lucia

    MAGNFICI, una performance magnifica, tremenda, emozionante…l’unica pecca troppa gente davvero troppa gente… BRAVI MASBEDO

  • Marco

    sono venuto da Forlì per vedervi….grandi Masbedo!!!

  • Barbara

    IL ’68 E’ FINITO DA UN PEZZO!

    • SAVINO MARSEGLIA (artista)

      NON E’ FINITO IL 68, ma l’idea di cambiare il mondo…

  • Il livido

    68??? E secondo voi questi che lavorano con quel fascistello di houelkebecq sono nostalgici del periodo??? Non credo… Comunque lavoro molto bello

    • SAVINO MARSEGLIA (artista)

      Se vogliamo parlare di bello, (secondo il gusto seduttivo del mondo pubblicitario) – auguro ai (masbedo) di dedicarsi anima e corpo alle seduzioni estetiche del mondo del cinema. D’altronde, oggi viviamo in una società, in cui l’estizzazione è così diffusa che la si può vedere e apprezzare perfino nelle case del popolo.

  • Pingback: Rassegna stampa 12 - 18 dicembre | IL TAMBURO DI KATTRIN()