Che succederà mai di così importante a Grand Rapids, Michigan? Succede il più ricco premio d’arte del mondo, oltre 550mila dollari

Londra, New York, la danarosa Svizzera, la rampante Shanghai? Niente da fare, se state inseguendo il più ricco premio d’arte del mondo vi dovrete addentrare fino al bel mezzo della regione dei grandi laghi americani, fino a Grand Rapids, Michigan. Già, proprio lì si svolge ogni anno ArtPrize, “concorso internazionale d’arte ed esperimento sociale” aperto […]

Crucifixion, di Mia Tavonatti, primo premio nel 2011

Londra, New York, la danarosa Svizzera, la rampante Shanghai? Niente da fare, se state inseguendo il più ricco premio d’arte del mondo vi dovrete addentrare fino al bel mezzo della regione dei grandi laghi americani, fino a Grand Rapids, Michigan. Già, proprio lì si svolge ogni anno ArtPrize, “concorso internazionale d’arte ed esperimento sociale” aperto a tutti gli artisti che vogliano candidarsi. Ma veramente a tutti: lo scorso anno arrivarono in 1.582, provenienti da 43 stati degli Usa e da 39 paesi stranieri, artisti pronti ad installare il loro lavoro nelle 164 sedi espositive apparecchiate in tutto il distretto.
Grandioso, ma perché parlarne? Perché per il 2012 il già ricchissimo montepremi crescerà di altri 100mila dollari, facendo di ArtPrize – con un totale di oltre 550mila dollari – il più ricco premio d’arte del globo. Ad aggiungersi saranno infatti cinque nuove sezioni, ciascuna dotata di 20mila euro di premio: Two-Dimensional, Three-Dimensional, Time and Performance, Urban Space e Venue. L’apertura e la – apparente? – democraticità del premio paiono confermate dalle modalità di assegnazione, in base alle quali premi per 350mila dollari saranno Public Vote Awards, mentre per 200mila dollari saranno Juried Prizes. Poi, magari, fra il dire e il fare…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.