Torino Updates: mangiare la faccia di un artista in un fornaio del centro. E’ successo anche questo, nel saturday night piemontese. Con lo zampino di Giovanni Morbin ovviamente

Per chi vuole divorare dell’ottimo cibo sottoforma di arte (si, la chiamano Eat Art) in questi giorni a Torino non ci sono solo le golose torte di Luca Montersino che vi abbiamo mostarto in un’ampia fotogalley nei giorni escorsi e che sono disponibili ogni pomeriggio ad Artissima con le sembianze di opere dei grandi artisti […]

Le pagnotte con il volto di Morbin

Per chi vuole divorare dell’ottimo cibo sottoforma di arte (si, la chiamano Eat Art) in questi giorni a Torino non ci sono solo le golose torte di Luca Montersino che vi abbiamo mostarto in un’ampia fotogalley nei giorni escorsi e che sono disponibili ogni pomeriggio ad Artissima con le sembianze di opere dei grandi artisti contemporanei.
L’altra proposta mangereccia è quella di Giovanni Morbin, multiforme e acuminato artista vicentino che con la sua galleria Artericambi di Verona ha organizzato in un panificio di Via Mazzini una performance all’insegna della condivisione (non retorica) e dell’analisi sociale dei famosi “tempi che corrono”, da cui anche il titolo dell’operazione (Quarta Settimana). Il rapporto con il corpo – e con il proprio volto – spesso presente nei progetti di Morbin, questa volta si palesa nell’offerta della propria faccia sottoforma di pagnotta appena sfornata. Tutto il resto, però, ve lo racconta Morbin in questo video girato al volo nel laboratorio di panificazione, tra un’infornata e l’altra.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • laura

    Eat Art ?! A metà strada tra artigianato culinario e performance alla Manzoni…quale specificità rispetto al discorso del cibarsi del corpo d’artista?

    • SAVINO MARSEGLIA (curatore indipendente)

      a me sembra che queste trovate sul cibo non fanno altro che ingozzare il vuoto che gira attorno all’arte contemporanea. il corpo dell’artista non è un esofago vivente e non può essere usato solo a fini mangerecci, almeno che la fiera non sia dichiaratamente trasformata in un colossale luogo di ristorazione per palati fini e palati pesanti.

  • SAVINO MARSEGLIA (artista)

    provolone, caciocavallo e pizza col (Max) aumento di esofagi viventi…