Torino Updates: alternativa cinematografara alle fiere d’arte? C’è Amos Gitai alla Mole Antonelliana, anche se con qualcosina da rivedere…

Se vi siete stancati di girare per stand, mostre e vernissage, un’alternativa non inclusa direttamente nelle rotte dell’arte può essere la Mole Antonelliana con la mostra dedicata ad Amos Gitai, che inaugura proprio in questi giorni. Figura poliedrica del cinema israeliano e premio al festival di Cannes nel 2005, Gitai è autore di film noti […]

Amos Gitai

Se vi siete stancati di girare per stand, mostre e vernissage, un’alternativa non inclusa direttamente nelle rotte dell’arte può essere la Mole Antonelliana con la mostra dedicata ad Amos Gitai, che inaugura proprio in questi giorni. Figura poliedrica del cinema israeliano e premio al festival di Cannes nel 2005, Gitai è autore di film noti come Free Zone e Kippur. Fin qui tutto bene. Peccato che nonostante le ottime premesse e lo spazio molto suggestivo dei sotterranei della Mole, il risultato sia un po’ approssimativo. Per capirci: proiezioni sparate su estintori, giacconi appesi  e cartelli segnaletici, allestimento in corso, illeggibili didascalie narrative e schermate di windows in bella vista invece della modalità schermo intero…
Tutto questo non aiuta certo la comprensione del lavoro del regista, che resta, a causa di un percorso con intenzioni didattiche, ma un po’ traballante, un perfetto sconosciuto ai più. Inoltre, nonostante la visita sia ad orari e ci si aspetti di essere in qualche modo guidati, al pubblico non viene offerta alcuna spiegazione. Volendo, ci si può tuttavia rifare con la parte museale, che con la sua selezione di film, gli spazi per il pubblico e gli straordinari allestimenti val bene una visita o due…

– Santa Nastro

 

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.
  • Angelov

    Se il sonno della Ragione genera Mostre, allora non si può essere fieri di tutte queste Fiere, anche se bisogna ammettere che ci troviamo in una la situazione in fieri……….