Terza giornata a Firenze per Lo schermo dell’arte. Ecco i trailer dei film di oggi, e la fotocronaca di ieri al cinema Odeon…

Terza giornata, e ancora ottimi riscontri per Lo schermo dell’arte, il festival fiorentino dedicato ai documentari e video d’artista ormai nel gotha delle rassegne settoriali a livello europeo. Pubblico che ha affollato la sala fin da ieri pomeriggio, per il talk – condotto da Silvia Lucchesi – con l’artista Armin Linke in diretta da Berlino […]

La sala del cinema Odeon gremita per la serata del 22 novembre

Terza giornata, e ancora ottimi riscontri per Lo schermo dell’arte, il festival fiorentino dedicato ai documentari e video d’artista ormai nel gotha delle rassegne settoriali a livello europeo. Pubblico che ha affollato la sala fin da ieri pomeriggio, per il talk – condotto da Silvia Lucchesi – con l’artista Armin Linke in diretta da Berlino grazie a Skype. Lucchesi che poi ha invitato altri personaggi sul palco, da Letizia Renzini, l’artista che ha realizzato la sigla de Lo schermo dell’arte 2011, a Franziska Nori e Luciana Majoni, per la presentazione del progetto Open Studios.

Il programma mette in scaletta gli Open Studios alle 17.30 con altri artisti toscani – Kinkaleri, Giovanni Ozzola e Andrea Lunardi –, per proseguire poi alle 18.00 con William Kentridge intervistato nel suo studio di Johannesburg.

Alle 19.15 1395 days without red di Anri Sala, dedicato ad uno qualsiasi dei 1395 giorni d’assedio della città di Sarajevo, mentre alle 21.00 il “documentario creativo” di Jannis Splidsboel racconterà la vita del duo artistico scandinavo Elmgreen & Drugset. Conclusione alle 22.30 con il film-ritratto dell’artista svizzero Jean Tinguely.

– Valentina Grandini

CONDIVIDI
Valentina Grandini
Profilo: Valentina Grandini (Pietrasanta, 1978) è storica dell’arte, curatrice indipendente, art advisor, fotografa e organizzatrice di mostre ed eventi legati all’arte contemporanea. Dal maggio 2011 collabora con Artribune. Dal 2008 svolge l’attività di art advisor collaborando con collezionisti privati alla creazione, all’incremento e alla gestione delle proprie collezioni, seguendo il lavoro di artisti italiani e stranieri, soprattutto delle ultime generazioni. Dal 2005 al 2008 ha lavorato per la Galleria Enrico Fornello di Prato e ha collaborato con istituzioni pubbliche e private creando progetti espositivi. Dal 2007 cura e progetta allestimenti artistici per alberghi, aziende e privati, con fotografie proprie ed opere d’arte contemporanea. Tra gli alberghi si ricordano l’Hilton Garden Inn, l’Hotel Brunelleschi, l’Hotel De La Ville ed il Demidoff Country Resort di Firenze, l’Una Hotel Versilia di Lido di Camaiore ed il Principe di Piemonte di Viareggio.