Lo Strillone: Vallonia contro Belgio per un Rubens sul Corriere della Sera. E poi de Chirico, Shirin Neshat, Paolo Baratta…

Il Sole 24 Ore: il Libano punta sulla grotta di Jeita e la candida ad entrare tra le sette meraviglie del mondo naturale; su Libero gli eredi di de Chirico donano alla città di Parigi 61 opere del maestro. Richiamo in prima su La Stampa per il backstage di Leonardo in mostra alla reggia di […]

Quotidiani
Quotidiani

Il Sole 24 Ore: il Libano punta sulla grotta di Jeita e la candida ad entrare tra le sette meraviglie del mondo naturale; su Libero gli eredi di de Chirico donano alla città di Parigi 61 opere del maestro. Richiamo in prima su La Stampa per il backstage di Leonardo in mostra alla reggia di Venaria; chiacchierata sotto la Mole con Shirin Neshat, pronta a debuttare come regista teatrale.

Riprese varie sulla rinuncia di Malgara alla poltrona di presidente della Biennale di Venezia: Il Riformista smentisce la possibilità di un Paolo Baratta ministro dei Beni Culturali con l’esecutivo Monti. Luca Beatrice, su Il Giornale, piazza l’intervista a Giancarlo Galan.

Novità sul tristemente noto Cristo ligneo comprato da Bondi come un Michelangelo che Michelangelo non è: la vicenda torna d’attualità sul Saturno de Il Fatto Quotidiano; dove trova spazio la recensione di de Kooning al MoMA.

Le opere del Museo Puskin in trasferta a Brera con primo piano a tema sul Corriere della Sera, che racconta pure la gustosa recriminazione della Federazione di Vallonia: i belgi reclamano dal Museo di Nantes la restituzione di un Rubens sequestrato dalle truppe rivoluzionare nel 1794. Devono essersela legata al dito, ‘sti valloni!

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.