Lo Strillone: quotazioni record del Novecento italiano su La Stampa. E poi Machiavelli, Simon Starling, Leonardo…

Dai, su: cacciate ‘sti soldi! Diecimila euro, che sarà mai! Corriere della Sera lamenta il blocco dell’edizione completa delle opere di Machiavelli, ferma al sesto di sette volumi: per chiudere i conti servono appunto diecimila cucuzze. Che pare nessuno abbia. Di soldi invece pare ne abbiano assai quanti ammirano l’arte italiana: La Stampa riporta quotazioni […]

Quotidiani
Quotidiani

Dai, su: cacciate ‘sti soldi! Diecimila euro, che sarà mai! Corriere della Sera lamenta il blocco dell’edizione completa delle opere di Machiavelli, ferma al sesto di sette volumi: per chiudere i conti servono appunto diecimila cucuzze. Che pare nessuno abbia.

Di soldi invece pare ne abbiano assai quanti ammirano l’arte italiana: La Stampa riporta quotazioni record e vendite sostanziose per i nostri maestri del secolo appena passato (Burri in testa), grandi protagonisti di vendite recenti da Sotheby’s e dintorni. Un andamento seguito con particolare attenzione dall’odierno inserto finanziario de La Repubblica.

Sempre La Stampa lancia la carica delle mostre da non perdere, alcune molto british: Simon Starling alla Fondazione Merz e Gilbert & George chez Agnelli. Nota interessante, tornando a parlare di quattrini, dal Corsera: la National Gallery di Londra ha assicurato la mostra su Leonardo (inaugura a giorni) per un miliardo e mezzo di sterline.

Erano 440 anni che mancava dalla Città Eterna: una breve su Quotidiano Nazionale celebra il ritorno a Roma de L’Adorazione dei Magi di Vasari, in mostra fino al 4 dicembre al Palazzo della Cancelleria.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.