Lo Strillone: il mestiere di artista dal Medioevo ad oggi su Avvenire. E poi la Battaglia di Anghiari, Steve Jobs, Bucarest polo culturale…

Ricchissimo di spunti, oggi, Quotidiano Nazionale: Giordano Bruno Guerri annuncia la prossima posa di un obelisco firmato Pomodoro al Vittoriale degli Italiani, degno omaggio a D’Annunzio; la Battaglia di Anghiari scoperta in “artroscopia”: una sonda penetra tra le crepe del sovrastante affresco vasariano per leggere quello scomparso firmato da Leonardo. Mentre a Pompei arrivano i […]

Quotidiani
Quotidiani

Ricchissimo di spunti, oggi, Quotidiano Nazionale: Giordano Bruno Guerri annuncia la prossima posa di un obelisco firmato Pomodoro al Vittoriale degli Italiani, degno omaggio a D’Annunzio; la Battaglia di Anghiari scoperta in “artroscopia”: una sonda penetra tra le crepe del sovrastante affresco vasariano per leggere quello scomparso firmato da Leonardo. Mentre a Pompei arrivano i soldi Unesco e un nuovo progetto di valorizzazione, ripreso pure da La Repubblica.

Non di sola arte vive Sotheby’s, ci mancherebbe. Il Fatto Quotidiano annuncia la prossima vendita di uno dei contratti che liquidò Ronald Wayne, primo socio di Jobs, e sancì la nascita di Apple: 100 dollari la base d’asta per un pezzo che ha fatto la storia. Bice Lazzari è scomparsa esattamente trent’anni fa: la nipote la ricorda su L’Unità, Brescia le dedica una retrospettiva.

“Tutto per la proprietà”: così la vita per il sergente Welsh ne La Sottile Linea Rossa. Tutto per il danaro secondo Pierluigi Leone de Castris, che intervistato su Avvenire racconta dell’evoluzione del mestiere di artista – dal Medioevo ad oggi – in rapporto alla sua retribuzione.

Bucarest è credibile come polo culturale? Riflessioni a margine dell’ultima Fiera Internazionale del Libro su Il Giornale; Segantini in mostra a Tokyo su La Stampa; un affresco perduto del secentesco Andrea Sacchi riaffiora dai lavori in un appartamento romano e dalle pagine di Libero.

Doppia pagina ed approfondimenti a profusione su Corriere della Sera per le opere dei Musei Civici di Pavia in trasferta all’Ermitage di San Pietroburgo.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.